Chimica tra due persone: gli ormoni dell'attaccamento

Gli ormoni potenziano il legame di coppia: nelle relazioni a lungo termine la serenità, l'empatia e la ricerca del partner sono una questione chimica.

Quando una relazione d'amore supera la fase iniziale di passione travolgente e si avvia verso la stabilità, gli ormoni e i neurotrasmettitori che mediano l'attrazione e l'innamoramento (dopamina, adrenalina, testosterone, feniletilammina, cortisolo) vengono prodotti in quantità minori: diminuisce l'ossessione dell'altra persona per far posto alla tranquillità della condivisione e all'esplorazione dei caratteri.

La passione è viva ma non è più l'elemento portante della relazione: il conforto, l'attaccamento, la possibilità di contare sull'altro sono i fattori preponderanti di una relazione stabile e a lungo termine.

Anche in questo caso, la chimica influisce sul rapporto tra due persone: l'alchimia diventa più profonda e vengono rilasciati ormoni che stabilizzano il nostro comportamento e quindi la relazione stessa.

L'ormone dell'amore

Il vero e proprio protagonista di questa fase di assestamento è l'ossitocina, chiamato anche "ormone dell'amore" proprio perché regola l'attaccamento tra due persone così come tra madre e figlio.

Concentrazioni molto elevate di questo ormone si riscontrano infatti in persone impegnate in relazioni di coppia a lungo termine e durante il parto e l'allattamento.

Perché l'ossitocina è chiamata "ormone dell'amore"?

L'ossitocina agisce sui circuiti cerebrali che regolano paura, ansia e stress diminuendone l'effetto. Il risultato è quello di aumentare l'empatia e la fiducia negli altri, l'altruismo e l'apertura a nuove idee.

Anche la fedeltà è influenzata dall'ossitocina: un interessante studio pubblicato sul Journal of Neuroscience dimostra infatti che gli uomini impegnati in relazioni stabili tendono a mantenersi a distanze maggiori da donne attraenti al contrario dei single.

Gli ormoni e la serenità delle relazioni a lungo termine

L'effetto di sicurezza che invece sentiamo quando l'altra persona ci è accanto, è mediato dalle endorfine, sostanze chimiche che vengono rilasciate comunemente per alleviare dolore. Le endorfine hanno un effetto analgesico e calmante e vengono prodotte quando il partner è vicino ma solo se si tratta di una relazione a lungo termine (tra i diciotto mesi e i quattro anni).

La serotonina, infine, ha un comportamento opposto a quello della dopamina: ispira un atteggiamento tranquillo e fedele dominando ansia e stress. La serotonina, chiaramente, viene prodotta in quantità molto basse all'inizio dell'innamoramento, mentre aumenta notevolmente durante i mesi successivi.

Può la chimica, da sola, spiegare l'intesa di coppia e rendere duratura una relazione?

Evidentemente no. Le reazioni chimiche sono la base della biologia che ci riguarda: la crescita, le emozioni, i comportamenti sono mediati da meccanismi biochimici complessi incastrati tra loro con una perfezione che farebbe invidia alla mano di Dio. Eppure tutto ciò non basta a spiegare perché ci comportiamo in un certo modo e perché scegliamo di condividere la nostra vita con una persona piuttosto che con un'altra.

L'alchimia tra due persone esiste (anche se è rara) ma non può essere fatta solo di chimica: l'attrazione, i messaggi inconsapevoli, l'empatia, l'intimità mentale sono solo alcuni degli aspetti che concorrono a stabilizzare le relazioni di coppia (abbiamo approfondito qui).

Conoscere la chimica, però, può comunque esserci di aiuto nel comprendere noi stessi e il partner e magari risvegliare la scintilla assopita!

(Caterina Stile)

Bibliografia

Fisher H. Perché amiamo. Essenza e chimica dell'innamoramento, Corbaccio, 2005

Leggi anche:

- Chimica tra due persone: gli ormoni dell'attrazione

- Alchimia tra due persone: l'amore è una reazione chimica

- Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Epigenetica: traumi vissuti ma anche disturbi metabolici come diabete e obesità possono essere trasmessi attraverso modifiche nell'espressione del DNA.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

"Nella mente degli altri" di Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza è un saggio esaustivo e autorevole che approfondisce il tema dei neuroni specchio a 360 gradi.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Varianti Covid-19 e vaccini: tutte le risposte

Varianti Covid-19 e vaccini: tutte le risposte

Nuove varianti del virus responsabile del Covid-19: le domande più comuni per comprendere come si diffondono e se i vaccini sono ancora efficaci.

Donne e attrazione: sfatiamo un mito

donne e attrazione: sfatiamo un mito

Le donne cercano intelligenza e affidabilità nel partner ma la scienza dimostra che sono solo parole: come per gli uomini, è l'attrazione fisica a guidarle.

Cyberbullismo:davvero i giovani sono esperti di internet?

Cyberbullismo:davvero i giovani sono esperti di internet?

Nativi digitali: esperti informatici o spaventati esploratori? Come guidare i giovani all'uso consapevole di internet e prevenire il cyberbullismo.

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

Le carezze cambiano il DNA - Roberto Giacobbo

"Le carezze cambiano il DNA" di Roberto Giacobbo: un'analisi completa e chiara sull'epigenetica e sul nostro potere di cambiare il DNA con lo stile di vita.

Io, trafficante di virus - Ilaria Capua - recensione

Io, trafficante di virus - Ilaria Capua - recensione

Nel libro "Io, trafficante di virus", Ilaria Capua si svela come donna e come scienziata: la vita privata, la carriera e la scelta di lasciare l'Italia.