vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

Nonostante le indicazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dei numerosi esperti che sottolineano l'importanza dei vaccini per la salute individuale e collettiva, molte persone restano in bilico tra dubbi e incertezze e decidono di non vaccinare i propri figli.

In realtà la questione è molto dibattuta ma non sul piano scientifico: la ricerca, quella vera, ha smontato tutti i tasselli della fragile torre di accuse dei no-vax ma molti ancora non lo sanno.

Le accuse dei no-vax e le risposte della scienza

I vaccini indeboliscono il sistema immunitario.

Falso. Come abbiamo già visto in questo articolo, l'inoculazione dei vaccini permette al nostro sistema immunitario di venire in contatto con l'agente infettivo e organizzare la risposta immunitaria in tutta sicurezza. Le nostre difese aumentano quindi il proprio armamento e sono pronte a contrastare il patogeno qualora si presenti. Il sistema immunitario ne esce quindi più rafforzato.

Con il miglioramento delle condizioni igieniche alcuni virus spariscono da soli

Falso. Le condizioni igieniche non hanno alcuna influenza sui virus contro i quali ci vacciniamo. Anzi, il virus della poliomelite si rafforza in queste circostanze.

I vaccini sono rischiosi

Falso. I vaccini sono tra le preparazioni farmaceutiche più sicure perché sottoposti a rigidi protocolli. Come ogni intervento medico, anche i vaccini non sono esenti da rischi ma, come afferma il noto ricercatore Roberto Burioni, è più probabile incorrere in una reazione anafilattica dopo l'ingestione di un'arachide che in seguito alla somministrazione di un vaccino.

I vaccini sono una speculazione delle Big Pharma

Falso. Supponiamo di sospendere la produzione di vaccini e permettere il diffondersi delle malattie infettive: non guadagnerebbero molto di più le Big Pharma con la produzione di farmaci per le cure (cure che in genere si protraggono per molto tempo)?

I vaccini causano l'autismo

Falso, e qui spendiamo qualche parola in più.

Un'ex modella di Playboy, Jenny McCarthy, nel 2002 ha avuto un figlio al quale è stato diagnosticato l'autismo all'età di due anni. La donna è certa, grazie al suo istinto di mamma, che la malattia sia stata causata dalla vaccinazione. La sua convinzione ha trovato la strada spianata nel mare magnum dei genitori della rete che hanno cominciato a respingere il vaccino contro il morbillo. Risultato? Nel 2013 il virus che causa il morbillo è stato "trasferito" in America da un viaggiatore e ha trovato una popolazione non immunizzata: nel 2013 un'epidemia di morbillo fa registrare 187 casi, l'anno successivo il numero dei malati sale a 700 e nel 2015 una persona con il sistema immunitario compromesso muore.

La vaccinazione contro il morbillo non causa l'autismo. Dietro questa notizia si nasconde una vera e propria truffa da parte di un medico (poi radiato dall'Albo) che falsificò i dati della sua ricerca per scopi economici personali.

Nel corso degli anni sono state condotte numerose ricerche che provano, con assoluta certezza, l'inesistenza di una correlazione tra vaccini e autismo.

Perché le accuse dei no-vax trovano sempre più seguito?

Se ci pensate è facile far credere d'essere capaci di suonare il sassofono a chi non lo sa suonare per nulla; molto più difficile ingannare un musicista [...] Vi siete mai chiesti perché tutti i medici anti-vaccinisti lavorano sempre da soli e non li trovate mai a insegnare in università serie, a curare in ospedali con una reputazione [...]? Perché le loro balle verrebbero scoperte immediatamente. (R. Burioni)

L'era di internet ha amplificato le possibilità di comunicazione ma, contrariamente a quanto si crede, la buona informazione fa molta fatica ad emergere. Nell'era dei social e dell'esibizionismo è molto più semplice diffondere notizie che tendano all'allarmismo e alla tragicità.

Perché allora nessuno parla delle vittime della poliomielite in Siria dove il tasso di copertura vaccinale è sceso dal 91 al 68% in due anni (2010-2012) a causa del dilagare della guerra? Nel maggio 2014 L'OMS ha dichiarato l'incidenza di poliomielite un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale (massimo livello di allarme sanitario). Ma anche questo non fa notizia.

Per approfondire l'argomento,

puoi leggere il libro del noto medico italiano Roberto Burioni.

A questo link la mia recensione.

Il piano vaccinale in Italia

Gli obiettivi per le coperture vaccinali sono definiti dal Global Vaccine Action Plan 2011-2020 dell'OMS e approvati dai 194 Stati membri, quindi anche dall'Italia.

A questo link è possibile consultare il calendario vaccinale previsto dal Ministero della Salute italiano.

Con il d.l.7 giugno 2017 n.73 è stata introdotta una comunicazione diretta tra Asl territoriali e istituti scolastici affinché sia garantita la copertura vaccinale obbligatoria per tutti i bambini, pena la decadenza dell'iscrizione scolastica. Da quest'anno, infatti, i controlli saranno automatici e non sarà più necessario presentare la documentazione vaccinale insieme alla richiesta di iscrizione.

"Facciamo squadra per la nostra salute" è lo spot pubblicitario con Ivan Zaytsev promosso dal Ministero della Salute per sensibilizzare gli italiani riguardo le tematiche sui vaccini.

Se avete ancora dubbi sui vaccini, se non siete sicuri di vaccinare i vostri figli, potete chiamare il 1500: vi risponderanno medici ed esperti del Ministero della Salute e dell'Istituto superiore di sanità per fornire informazioni e chiarimenti.

E ricordate: la corretta informazione è l'unica arma che abbiamo per far valere i nostri diritti. E non è poco.

Bibliografia

Burioni R., Il vaccino non è un'opinione. Le vaccinazioni spiegate a chi proprio non le vuole capire, Mondadori, 2018

http://www.salute.gov.it/portale/vaccinazioni/dettaglioContenutiVaccinazioni.jsp?lingua=italiano&id=4826&area=vaccinazioni&menu=vuoto

http://www.salute.gov.it/portale/vaccinazioni/dettaglioContenutiVaccinazioni.jsp?lingua=italiano&id=4824&area=vaccinazioni&menu=vuoto

http://www.saluteinternazionale.info/2013/11/guerra-e-malattie-la-poliomielite-in-siria/

https://www.epicentro.iss.it/polio/DichiarazioneOms2014

http://www.salute.gov.it/portale/vaccinazioni/dettaglioVideoVaccinazioni.jsp?lingua=italiano&menu=multimedia&p=video&id=1870

http://www.salute.gov.it/portale/vaccinazioni/dettaglioVideoVaccinazioni.jsp?lingua=italiano&menu=multimedia&p=video&id=1870

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico nel momento del dolore determina sincronizzazione delle onde cerebrali, del respiro e della frequenza cardiaca. E c'è di mezzo l'empatia.

Over 60 e social media: una risorsa in più per la vita sociale

over 60: il futuro business di Facebook

I social media non sono più un tabù per gli over 60: la tecnologia è sempre più accessibile per potenziare le relazioni sociali e contrastare la solitudine.

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

A cinquant’anni niente dieta: le maniglie dell’amore aumentano la longevità, l’importante è preoccuparsi di mantenere sempre costante il peso corporeo.

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni biologici e neuroni artificiali connessi a distanza di chilometri: lo studio visionario che pone le basi per la Neuro-elettronica via internet.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

Quando c'è di mezzo l'attrazione fisica ogni gesto, anche il più innocuo e apparente, può diventare strumento di seduzione. Ecco gli atteggiamenti più comuni.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.