GRAVIDANZA OVER 35: IL CERVELLO RINGRAZIA

 Avere un figlio dopo i trentacinque anni è una condizione molto frequente al giorno d'oggi sebbene i medici non siano molto favorevoli a questa scelta. Complici l'istruzione che si protrae per lunghi anni, una maggiore indipendenza della donna ma soprattutto difficoltà a inserirsi (e restare) nel mondo del lavoro, l'età media della prima gravidanza si attesta oggi a 31,5 anni

L'attenzione di medici e ricercatori si è focalizzata finora sul benessere della neomamma e del nascituro indicando nei trentacinque anni una sorta di spartiacque tra l'età migliore per mettere al mondo un figlio e l'inizio del declino.

In realtà le cose non stanno proprio così.

Sebbene un'età maggiore della donna sia accompagnata da un aumento del rischio di comparsa di alcune malattie genetiche (la più frequente è la sindrome di Down), alcune ricerche mettono in risalto i vantaggi di concepire oltre il limite dei trentacinque anni.

Uno di questi studi, condotto dalla prof.ssa Roksana Karim all'University of South California, ha posto sotto la lente le abilità cognitive delle donne in tarda età.

830 donne (età media 60 anni) sono state sottoposte a test di memoria verbale, velocità psicomotoria, attenzione e concentrazione, programmazione, memoria, percezione visiva.

I risultati hanno sottolineato una forte associazione tra l'età dell'ultima gravidanza e le capacità cognitive in età avanzata. In particolare le donne che hanno dato alla luce il loro ultimo figlio dopo i trentacinque anni hanno mostrato livelli di memoria verbale nettamente superiori rispetto alle coetanee.

[Ti potrebbe interessare: 10 consigli per un cervello in forma]

Perché la gravidanza influisce sul cervello?

Sebbene i vuoti di memoria siano molto frequenti durante le settimane di gestazione, il cervello beneficia della gravidanza grazie all'azione degli ormoni sessuali femminili. Gli estrogeni hanno un impatto positivo sui processi chimici, funzionali e strutturali del cervello mentre il progesterone regola la crescita e lo sviluppo del tessuto cerebrale.

Ma non è soltanto la gravidanza ad aumentare la produzione di ormoni sessuali femminili. La dottossa. Karim, nei suoi esperimenti, ha rilevato che risultati positivi in termini di capacità intellettive in tarda età sono stati ottenuti anche dalle donne che hanno fatto uso di contraccettivi orali per almeno dieci anni e dalle donne che hanno avuto il menarca prima dei tredici anni.

L'utilizzo prolungato di contraccettivi ormonali garantisce infatti l'azione di estrogeni e progesterone sul cervello per un periodo maggiore. L'età del menarca, invece, è associata ai livelli di questi ormoni prodotti dalle ovaie: più è bassa l'età della prima mestruazione maggiore sono i livelli di ormoni nelle ragazze.

Attraverso i vari test, il team di ricerca ha evidenziato che anche l'età della prima gravidanza influisce sulle capacità intellettive delle sessantenni: le donne che hanno visto nascere il primo figlio dopo i ventiquattro anni mostravano migliori funzioni di ragionamento e di problem solving, di controllo dell'attenzione e di working memory.

[Ti consiglio: quanto saremo intelligenti da vecchi?]

Se è vero che non ci sono dubbi riguardo l'influenza positiva che una gravidanza può avere sul corpo e sulla mente della mamma, è anche vero che affrontare nove mesi di nausee, cambiamenti fisici importanti, novità nella vita privata e lavorativa non ha lo stesso impatto su una ventenne e su una quarantenne. La ricerca trova oggi un motivo in più per dire di sì al desiderio di un figlio anche dopo i trentacinque anni eludendo il potere che un numero può avere nelle scelte di una donna. In fondo quando un figlio arriva è sempre il momento giusto!

 

[Quando nasce un figlio, le cure parentali possono avere importanti effetti sullo sviluppo del cervello del piccolo.

Ne ho parlato qui: latte materno per bimbi più intelligenti

l'amore della mamma stimola lo sviluppo del cervello]

 

 

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Uomini più creativi: è solo un pregiudizio

uomini più creativi: è solo un pregiudizio

Gli uomini sono più creativi, innovativi e coraggiosi: la scienza conferma che le gerarchie del lavoro si fanno in quattro per proteggere gli stereotipi.

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

L'uomo di Neanderthal studiato attraverso gli organoidi cerebrali: una sola mutazione potrebbe essere alla base dello sviluppo del nostro cervello.

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Un caffè a volte non basta: l'induzione enzimatica spiega perché gli affezionati della sigaretta hanno bisogno di più caffeina per sentirsi carichi.

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

La sindrome di Lazzaro è un fenomeno, riconosciuto dalla comunità scientifica, che provoca il risveglio inspiegabile di pazienti morti per infarto.

I benefici del tè

I benefici del tè

Il tè contrasta malattie cardiovascolari e ipertensione e protegge il cervello dal declino cognitivo legato all'età: ma quale tè apporta più benefici?

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

Allattamento al seno: il latte materno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati rendendo i neuroni più veloci ed efficienti.

Ravviarsi i capelli

ravviarsi i capelli

Ravviarsi i capelli, a seconda del gesto, può significare ricerca di protezione o anche voglia di mostrarsi al meglio. 

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.