Questo sito utilizza i cookie - anche di terze parti. Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Per saperne di più leggi l'informativa.


SALUTE&BENESSERE

QUANDO LE DIETE NON FUNZIONANO

Quando le diete non funzionano

 

Prima dell’estate in vista della prova costume, dopo l’Epifania e a settembre per smaltire i chili di troppo, le diete tornano a fare strage tra i menu facendo dileguare i dolci, le lasagne della mamma e il McDonald’s. Se ne scelgono di tutti i colori – giallo per la dieta alla banana, verde per la dieta dei centrifugati di verdure, rosso come quella a base di cocomero – ma a volte sembra proprio di non riuscire a perdere più di qualche etto. E allora si crede che non sia la dieta giusta e si fanno altri tentativi.

 

I dietologi invitano a stare alla larga da diete dimagranti che promettono miracoli soprattutto se inducono ad abbuffarsi di un certo tipo di alimento escludendo molti altri utili alla salute. I consigli sono sempre gli stessi: dieta equilibrata cercando di introdurre tutti i nutrienti necessari nella giusta quantità e rivolgersi ai medici quando la circonferenza vita cresce troppo. Spesso però, pur seguendo i dettami medici il peso non cala: pochi zuccheri, niente grassi, tanto movimento ma la bilancia non si muove.

 

I parametri che influenzano il peso corporeo sono tanti, ma spesso diete proposte a individui molto simili per massa corporea, età, sesso, stato di salute non producono gli stessi risultati. Si sono chiesti perché Eran Segal e Eran Elinav, ricercatori al Weizmann Institute of Science di Israele, che hanno unito i loro campi di ricerca (Scienze Computazionali e Matematica Applicata il primo e Immunologia il secondo) per analizzare i vari fattori che influenzano l’assorbimento dei nutrienti e le conseguenti variazioni del peso corporeo.

 

Per la loro indagine, i ricercatori hanno reclutato soggetti molto diversi tra loro e hanno tenuto sotto controllo vari parametri (esami del sangue, misure corporee, monitoraggio della glicemia) oltre ad analizzare le risposte dei volontari a un questionario di salute. L’indagine prevedeva di far assumere a tutti i partecipanti lo stesso alimento per la colazione e di registrare attraverso un’applicazione mobile l’apporto quotidiano di cibo e le abitudini di vita. 

 

Come si attendevano, gli studiosi hanno rilevato che età e massa corporea sono fortemente correlati ai livelli ematici di glucosio dopo il pasto. Inoltre individui diversi mostravano un diverso indice glicemico dopo l’assunzione dello stesso alimento. L’indice glicemico è uno standard utilizzato per classificare i vari alimenti in base all’effetto che provocano sui livelli ematici di glucosio e la maggior parte dei percorsi dimagranti tengono conto di questi valori. Segal e Elinav affermano, sulla base dei risultati dello studio, che l’indice glicemico non può essere considerato un valore standard perché varia da un soggetto all’altro. Un esempio eclatante che conferma la loro asserzione è dato dal caso di uno dei partecipanti, una donna di mezza età predisposta al diabete che durante l’indagine sperimentava picchi di glucosio dopo l’assunzione di pomodori. I pomodori, essendo verdure, non erano mai stati banditi dalle diete che aveva provato senza successo e quindi ogni suo sforzo di dimagrimento era vanificato.

 

Per scoprire i motivi per cui un alimento può essere efficace o dannoso in base al soggetto, gli studiosi hanno gestito analisi del microbiota (insieme dei microorganismi presenti nel tubo digerente) dei volontari poiché alcune evidenze dimostrano che i batteri intestinali sono legati a obesità, intolleranze e diabete. Forti dei risultati precedentemente ottenuti, hanno predisposto diete personalizzate per alcuni soggetti riuscendo ad alterare il microbiota intestinale e a ottenere effetti positivi sui livelli della glicemia.

 

Secondo i due ricercatori, l’approccio medico assunto finora potrebbe essere non adeguato nei confronti dei pazienti che hanno un background diverso e che quindi possono permettersi abitudini alimentari diverse. Più che dispensare raccomandazioni generalizzate incorrendo nel rischio di dare consigli che possono creare danni anziché risolverli, sarebbe necessaria un’analisi più approfondita del singolo paziente che tenga conto anche delle condizioni del microbioma.

 

I parametri analizzati attraverso quest’indagine erano numerosi e complessi, ma Segal e Elinav promettono di proseguire nella ricerca con l’intento di sviluppare nuovi algoritmi più semplici da gestire cosicché anche i medici possano fornire report personalizzati e ottenere migliori risultati per i pazienti.

 

 

Condividi quest'articolo su whatsapp!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

TI POTREBBE INTERESSARE...

Diciotto anni, la patente in tasca e gli amici accanto per dimostrare quanto si è bravi al volante. Ma cosa accade nel cervello dei giovani quando assumono atteggiamenti rischiosi alla guida? E se acc...

Giovani e soldi: nel valutare il rapporto rischio-beneficio tra guadagni e perdite finanziarie, gli adolescenti sono più razionali dei ragazzi grandi. E ciò che accade nel loro cervello ne è la confer...

I benefici dell’allattamento al seno sono innumerevoli, ma ora la scienza conferma che il latte materno garantisce un maggiore sviluppo cerebrale dei bambini, aumentando la crescita di mielina nel lor...

Imparare a scrivere: una delle prime difficoltà scolastiche che impegna le abilità grafico-motorie dei bambini per apprendere stampato e corsivo. Ma c’è davvero utilità nell’insegnare entrambi gli sti...

Una curiosa ricerca rivela il metodo per migliorare l’apprendimento nei bambini: concedere il riposo al cervello è la chiave giusta, senza spaventarsi se gli obiettivi non vengono raggiunti nell’immed...

Newsletter