Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

 Il sogno di molti ricercatori è trovare l’elisir dell’eterna giovinezza o, in alternativa, la formula che permetta di conservare al meglio forma fisica e capacità cognitive. Molti passi sono stati fatti per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di mantenersi attivi e seguire una vita sana sin da piccoli, ma quanto si pensa invece a preservare il proprio cervello dal decadimento cognitivo? È stato dimostrato che diverse attività fisiche, come la camminata veloce quotidiana, abbiano effetti benefici anche sul cervello, così come lettura, scrittura e compiti complessi. Ma se consideriamo la chirurgia estetica e il trapianto d’organi, lo sforzo di mantenere giovani corpo e mente si risolve in un netto vantaggio del corpo.

 

Cosa sono le cellule staminali

Il cervello è un organo particolarmente complesso e il suo trapianto per ora resta tra le ambizioni degli scienziati ma gli studi in questo campo sono tutt’altro che indietro e tentano di circoscrivere il limite utilizzando un asso nella manica: il trapianto di cellule staminali neurali.

 

Le cellule staminali sono cellule non ancora differenziate che potenzialmente possono dar vita a diversi tipi di cellule (della pelle, del sangue, delle ossa…). Possono essere prelevate dal feto, dal liquido amniotico, dal cordone ombelicale così come dall’individuo adulto. Infatti anche quando l’organismo ha ormai raggiunto il culmine del suo sviluppo possiede ancora un numero limitato di cellule staminali che hanno il compito di produrre nuove cellule per sostituire quelle che muoiono o che vengono danneggiate.

 

I neuroni sono tra le cellule più longeve dell’organismo. Nonostante ciò, il cervello possiede cellule staminali che sopravvivono per tutta la nostra vita e producono nuovi neuroni per sostituire quelli che muoiono in maniera fisiologica e quelli danneggiati da ictus e traumi cerebrali.

[Ti potrebbe interessare: scopri se avrai l’Alzheimer]

Cellule staminali neurali: un asso nella manica contro l’invecchiamento

Le cellule staminali neurali sono state utilizzate per esperimenti di trapianto su animali all’Università del Texas. Il team di ricercatori, guidato dal prof. Ashok K. Shetty, ha confrontato il trapianto di staminali neurali nell’ippocampo di animali giovani e in quello di animali invecchiati. Perché proprio nell’ippocampo? L’ippocampo è una delle principali regioni cerebrali coinvolte nei processi di apprendimento e memoria. Diversi studi dimostrano che, durante l’invecchiamento, esso subisce una riduzione delle dimensioni e un processo di infiammazione cronica che potrebbero verosimilmente essere associati al declino cognitivo. Riuscire a inserire nuovi neuroni in questa importante struttura potrebbe condurre a risultati notevoli contro il normale declino cognitivo degli anziani e i deficit neurologici legati a malattie come L’Alzheimer.

[Ti potrebbe interessare: l’ippocampo e la formazione dei ricordi] 

A riguardo, il prof. Shetty è riuscito a ottenere risultati interessanti attraverso le sue indagini.

Gli esperimenti di trapianto hanno infatti messo in evidenza una notevole adattabilità delle staminali neurali non solo nei cervelli giovani ma anche in quelli anziani: tutte le cellule impiantate sono sopravvissute e si sono suddivise almeno tre volte generando un numero totale di nuovi neuroni e cellule gliali molto superiore al numero di staminali impiantate. E i risultati ottenuti non hanno rilevato una particolare discrepanza tra giovani e vecchi.

 

L’obiettivo della ricerca è contrastare l’invecchiamento con il trapianto di staminali neurali

“Siamo entusiasti che l’ippocampo invecchiato accetti le cellule staminali neurali impiantate”, afferma Shetty. E c’è ragione nel suo entusiasmo: si tratta del primo esperimento in questo ambito che ottiene riscontri tanto incoraggianti. In studi precedenti, infatti, sono stati utilizzati neuroni fetali per lo stesso scopo ma con minor successo.

La ragione, secondo il prof. Shetty, risiede nella capacità delle cellule staminali di sopportare meglio l’ipossia (mancanza di ossigeno) e i traumi legati alle procedure di trapianto.

 

Risultati positivi dunque, ma non ancora sufficienti: la procedura di estrazione delle cellule da cervelli giovani è invasiva – sebbene bastino tessuti molto piccoli da espandere poi in coltura – e non è ancora confermata l’associazione tra trapianto di staminali neurali e miglioramento delle capacità cognitive negli animali.

 

Le indagini future, assicura il team, procederanno proprio in questa direzione per valutare se attraverso l’utilizzo di cellule staminali sia possibile contrastare il processo di declino cognitivo legato all’età e invecchiare senza perdere le proprie funzioni cerebrali.

 

Tranquilli: non sarà necessario fare una biopsia del cervello dei nostri figli per ricevere staminali neurali: attraverso la manipolazione di alcune cellule dell’organismo, ad esempio quelle della pelle, è possibile generare cellule pluripotenti cioè cellule in grado di generare altri tessuti.

In sostanza, nelle speranze dei ricercatori, in un futuro non troppo lontano sarà possibile prelevare delle cellule dalla nostra pelle, manipolarle in maniera adeguata e ottenere nuovi neuroni da impiantare poi nel nostro cervello permettendoci di non perdere le capacità cognitive.

 

E il confine tra scienza e fantascienza diviene sempre più labile.

[Ti potrebbe interessare: alzheimer – apprendimento e onde cerebrali]

 

 

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

Quando le diete non funzionano

Quando le diete non funzionano

Come perdere peso in maniera efficace e consapevole: secondo i ricercatori le diete dimagranti vanno personalizzate in base al microbiota del paziente.

Meglio stampato o corsivo?

meglio stampato o corsivo?

Corsivo, stampato o entrambi? Imparare a scrivere significa acquisire nuove abilità grafico-motorie, ma c’è davvero utilità nell’insegnare entrambi gli stili?

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

Le illusioni ottiche

Le illusioni ottiche

Cosa sono le illusioni ottiche? Perché il cervello cade vittima di inganni visivi?

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni biologici e neuroni artificiali connessi a distanza di chilometri: lo studio visionario che pone le basi per la Neuro-elettronica via internet.

Accavallare le gambe

accavallare le gambe

Accavallare le gambe può indicare dimostrazione di forza o interesse/disinteresse verso l'altro.

Curiosità sul bacio - vero o falso

vero o falso: cosa sai sui baci?

Curiosità e luoghi comuni sul bacio. È più importante per lui o per lei? Quanto conta in una relazione? Perché le donne baciano alcuni uomini più di altri?

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Manifestare al partner la propria gratitudine e ridere insieme: piccoli trucchi per risvegliare un rapporto di coppia quando attraversa un momento difficile.

Come gestire i soldi: gli adolescenti lo sanno

Come gestire i soldi: gli adolescenti lo sanno

Come gestire i soldi? Chiedetelo agli adolescenti. Secondo una ricerca, gli adolescenti valutano il rapporto guadagni/perdite meglio dei ragazzi grandi.

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Neuropilina 1: il recettore individuato dai ricercatori napoletani che potrebbe spiegare i motivi per cui i bambini si ammalano meno di Covid-19.