Questo sito utilizza i cookie - anche di terze parti. Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Per saperne di più leggi l'informativa.

CONSIGLI DI LETTURA

Il vaccino non è un'opinione - Roberto Burioni - recensione

Il vaccino non è un'opinione - recensione

Roberto Burioni, medico e divulgatore scientifico italiano, è autore del saggio Il vaccino non è un'opinione (Mondadori, 2016) vincitore del premio Asimov 2017.

Già il sottotitolo, Le vaccinazioni spiegate a chi proprio non le vuole capire, introduce in maniera diretta e inequivocabile il tono inquisitorio che percorre tutto il libro. Il saggio è chiaramente un excursus nel campo dell'immunologia che ripercorre le gravi malattie per cui il vaccino è consigliato in Italia, ma i riferimenti sono molto espliciti: il libro non è diretto solo a chi vuole saperne di più ma anche, e soprattutto, a chi non vuole saperne di vaccinare i propri figli.

Per questo motivo, il professor Burioni ha scelto di utilizzare uno stile privo di tecnicismi e alla portata di tutti perché l'intento non è evidenziare le competenze dell'esperto ma far passare un messaggio chiaro e preciso: non vaccinare i propri figli mette a rischio non solo i bambini coinvolti ma tutta la comunità.

Nella prima parte del libro, l'autore spiega che l'atteggiamento antivaccinista ha radici profonde nella storia: nell'Ottocento nacquero delle vere e proprie anti-vaccination societies con l'intento di diffondere la paura nella popolazione contro i primi vaccini per il vaiolo. Ma se nell'Ottocento gli antivaccinisti usavano lo scudo della religione (la vaccinazione non è menzionata nella Bibbia ed era quindi un atto contro Dio) oppure diffondevano timori che facevano leva sull'ignoranza della popolazione (i vaccini ricavati dagli animali avrebbero fatto spuntare corna, zoccoli e coda), oggi il pericolo è molto più concreto perché le piattaforme digitali amplificano le notizie senza verificarne le fonti.

Nel mondo reale chi sostiene che due più due fa cinque viene messo dietro la lavagna con il berretto da somaro, mentre su internet può essere facilmente considerato un coraggioso pensatore indipendente determinato a lottare contro le lobby delle calcolatrici.

Ma quali sono le principali accuse che gli antivaccinisti muovono contro le vaccinazioni?

In realtà sono molte e disparate e spaziano dall'inutilità di somministrare vaccini contro malattie ritenute ormai scomparse fino alle correlazioni tra i vaccini e gravi malattie come l'autismo.

Roberto Burioni smonta mattone per mattone la torre di accuse degli antivaccinisti elencando i fatti (e non le opinioni) con cui la scienza ha reso possibile debellare alcune malattie e ridurre l'incidenza di altre.

Perché non è vero che i virus scompaiono quando le condizioni igieniche migliorano – alcuni addirittura si rafforzano come quello della poliomielite – e non è vero che i vaccini indeboliscono il sistema immunitario, aumentano il rischio di malattie autoimmuni e allergie, non è vero che causano epilessia, encefalite e autismo. E, nel libro "Il vaccino non è un'opinione", sono i fatti a dimostrarlo con grafici, dati e riferimenti chiari e precisi.

Alcune malattie sono letteralmente scomparse e riappaiono solo perché alcuni incoscienti non vaccinano i loro figli.

Perché è questa la realtà. L'8 maggio 1980 l'Organizzazione Mondiale della Sanità dichiara il virus del vaiolo scomparso dal pianeta grazie alla vaccinazione.

Purtroppo lo stesso non si può dire di altre malattie poiché il vento degli antivaccinisti soffia sempre più forte alimentato da Internet che ha il potere di trasformare le opinioni in fatti.

Ma come difendersi e a chi credere? Alla medicina tradizionale che magari è pilotata dalle multinazionali del farmaco o agli isolati esperti che hanno il coraggio di contrastare il sistema e rivelare la verità?

Sebbene la posizione di Roberto Burioni sia molto chiara – lo si evince soprattutto dai toni spesso molto aspri e critici nei confronti dei "somari" e "incoscienti" antivaccinisti – in realtà il libro non nasconde nulla: anche i vaccini comportano un potenziale pericolo ma i rischi sono sempre calcolati in relazione ai benefici. Numeri alla mano, la reazione anafilattica è un evento più probabile dopo l'ingestione di un'arachide che dopo una vaccinazione.

I vaccini, come tutte le cose del mondo, comportano rischi. Però i vaccini dell'infanzia attualmente in uso sono sicuramente tra le sostanze più sicure mai esistite in campo farmaceutico.

Come fare allora a districarsi nel mare magnum delle notizie che circolano in rete? L'autore ci aiuta anche in questo.

Alcuni, che si ritengono geni incompresi, sostengono addirittura d'aver trovato nei vaccini uranio radioattivo, tritolo e bombe a mano. Ma tutto questo è avvenuto nel loro laboratorio autogestito, autofinanziato e autocontrollato ed è stato pubblicato esclusivamente nei loro siti internet e mai condiviso con la comunità scientifica, rendendo i loro esperimenti tanto affidabili quanto quelli che Pietro, mio nipote dodicenne, conduce in camera sua con la scatola del Piccolo Chimico"

E ancora:

Se ci pensate è facile far credere d'essere capaci di suonare il sassofono a chi non lo sa suonare per nulla; molto più difficile ingannare un musicista [...] Vi siete mai chiesti perché tutti i medici antivaccinisti lavorano sempre da soli e non li trovate mai a insegnare in università serie, a curare in ospedali con una reputazione [...]? Perché le loro balle verrebbero scoperte immediatamente.

Il potere di decidere riguardo una questione di tale rilevanza da mettere in pericolo la salute dei nostri figli e dell'intera comunità, risiede nella conoscenza.

È importante comprendere come funzionano i vaccini, quali benefici comportano e analizzare i rischi di una mancata vaccinazione.

Un esempio chiaro riportato nel libro è quello di un'ex modella di Playboy, Jenny McCarthy, che nel 2002 ha avuto un figlio al quale è stato diagnosticato l'autismo all'età di due anni. La donna è certa, grazie al suo istinto di mamma, che la malattia sia stata causata dalla vaccinazione. La sua convinzione ha trovato la strada spianata nel mare magnum dei genitori della rete che hanno cominciato a respingere il vaccino contro il morbillo. Risultato? Nel 2013 il virus che causa il morbillo è stato "trasferito" in America da un viaggiatore e ha trovato una popolazione non immunizzata: nel 2013 un'epidemia di morbillo fa registrare 187 casi, l'anno successivo il numero dei malati sale a 700 e nel 2015 una persona con il sistema immunitario indebolito muore.

La vaccinazione contro il morbillo non causa l'autismo. Dietro questa notizia si nasconde una vera e propria truffa da parte di un medico (poi radiato dall'Albo) che falsificò i dati della sua ricerca.

I vaccini sono sicuri, efficaci, utili, non causano autismo o altre malattie e non sono un complotto delle multinazionali.

L'obiettivo della divulgazione scientifica è quindi fornire i mezzi necessari affinché ognuno di noi sia in grado di analizzare i rischi e i benefici delle vaccinazioni senza subire l'influenza di chi si proclama tuttologo senza averne i titoli.

La critica di Roberto Burioni è forte e a tratti quasi violenta nei confronti di quei genitori che mettono a rischio la vita dei propri figli (e di quelli degli altri) sulla base di timori infondati. Ma in medicina non esistono paure: esistono i fatti. E i fatti confermano che le vaccinazioni sono indispensabili per proteggere noi stessi e nostri figli da malattie gravi, per garantire una corretta protezione anche a coloro che, meno fortunati, non possono sottoporsi alle vaccinazioni e soprattutto per evitare che questi virus, per ora sotto controllo, tornino a circolare mietendo vittime anche tra gli adulti per i quali le complicazioni sono molto più gravi.

Ancora una volta la follia dei genitori viene pagata in modo atroce dai figli, che nessuno protegge dalle scelte scellerate che i padri e le madri irresponsabili dai quali hanno avuto la sfortuna di nascere fanno per loro.

Infine, ecco la risposta di Roberto Burioni agli antivaccinisti che parlano di un complotto con le Big Pharma:

Se non vaccinate i vostri figli, le multinazionali farmaceutiche avranno per voi una sincera gratitudine.

Sì, perché a quanto pare le case farmaceutiche guadagnano molto più dalla cura delle malattie che non dalla somministrazione delle limitate dosi di vaccini. Anche questo è un fatto.

Sinossi

Roberto Burioni spiega le inoppugnabili ragioni scientifiche che rendono vitale vaccinare i bambini. Lo fa con l'autorevolezza di un professore in camice bianco e con quella forza comunicativa che lo ha fatto conoscere sui social network, in televisione e sui giornali come il medico che "cura" le paure dei genitori di oggi sui presunti effetti collaterali dei vaccini.

Il professor Burioni riporta la discussione sui vaccini su un piano oggettivo: la sua esperienza clinica e scientifica. Racconta chi ha compiuto questa scoperta medica, cosa accade al "lupo virus" quando sbatte contro un "gregge immune" alle sue zanne, quali sono i rischi reali delle vaccinazioni sulla base dei dati epidemiologici e contesta una serie di leggende metropolitane. Il libro per capire che sui vaccini infantili non c'è da discutere, ma sono da somministrare.

Autore

Roberto Burioni, professore di microbiologia e virologia all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, è noto al grande pubblico per essere sceso nella piazza di Internet in difesa dei vaccini.

Ha pubblicato anche: La congiura dei somari – Perché la scienza non può essere democratica (Rizzoli, 2017) e Balle mortali – Meglio vivere con la scienza che morire coi ciarlatani (Rizzoli, 2018)

Leggi qui le altre recensioni di saperepotere.it

Vuoi proporre un libro da recensire? Qui ti spiego come fare.

eb3.png

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

I LIBRI DELLA COLLANA SAPERE&POTERE

affinità di coppia - i segnali dell'attrazione che svelano la scelta del partner

"Affinità di coppia: i segnali dell'attrazione che svelano la scelta del partner" (di Caterina Stile) è il nuovo libro della collana saperepotere.it

Mi illudo - Le illusioni ottiche spiegate dal tuo cervello - Caterina Stile

"Mi illudo - Le illusioni ottiche spiegate dal tuo cervello" è un ebook distribuito da saperepotere.it. È gratis, basta iscriversi alla newsletter!

ULTIMI ARTICOLI

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

La sindrome di Lazzaro è un fenomeno, riconosciuto dalla comunità scientifica, che provoca il risveglio inspiegabile di pazienti morti per infarto.

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccinarsi o no? I dubbi sono tanti e le bufale anche: cerchiamo di capire in maniera semplice cosa sono i vaccini e perché sono tanto importanti.

vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

A contatto con la natura: benessere per mente e corpo

Una sola semplice regola per migliorare il nostro benessere fisico e mentale: basta trascorrere due ore a settimana a contatto con la natura.

Differenze uomo-donna: la scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.

Newsletter