come migliorare l'apprendimento nei bambini

 Fino a 6-7 anni i bambini hanno capacità di apprendimento sorprendenti: basti pensare che in età prescolare acquisiscono da zero una lingua – sempre più spesso anche due – utilizzando correttamente i verbi e con un vocabolario molto vasto. Imparano la coordinazione motoria, le regole del vivere sociale e le più sottili sfaccettature comportamentali. Una nuova ricerca fa luce sui processi di apprendimento che i bambini applicano inconsapevolmente per integrarsi nel mondo che li circonda.

L’apprendimento nei bambini: il gioco dei ricercatori

Lo studio, pubblicato sulla rivista Psychological Science, è il primo nel suo genere a creare un ponte tra due fenomeni già studiati nei bambini: extreme forgetting e delayed remembering.

 

  • Extreme forgetting è un’espressione utilizzata per indicare il processo mediante il quale i bambini, imparando due cose simili in rapida successione, sono capaci di ricordare la seconda e dimenticare la prima.
  • Delayed remembering invece è la capacità di richiamare alla mente delle informazioni che prima erano state dimenticate.

 

K. Derby, dottorando in Psicologia e V. Sloutsky, direttore del laboratorio di Sviluppo Cognitivo dell’Università dell’Ohio, hanno condotto uno studio su 84 bambini tra i 4 e i 5 anni coinvolti in un gioco di associazione di immagini a computer.

Durante l’attività, sullo schermo venivano visualizzate coppie di elementi e ogni volta i ricercatori spiegavano che si trattava di oggetti appartenenti a Topolino o a Winnie the Pooh (ad esempio cappello e coniglio per Topolino, palla e scarpa per Winnie the Pooh). Per “vincere” il gioco, i bambini dovevano memorizzare le associazioni e ripeterle nel modo giusto.

Il cervello dei bambini ci sorprende

Durante la prima fase i bambini hanno appreso molto facilmente totalizzando un punteggio medio del 60% all’inizio dell’attività e del 90% alla fine.

  

Durante la seconda fase, immediatamente successiva, i ricercatori hanno invertito le coppie (es. cappello e palla per Topolino, coniglio e scarpa per Winnie the Pooh) e riproposto la stessa attività.

Come atteso, i risultati sono stati i medesimi in termini di percentuale perché i bambini hanno dovuto impiegare la loro attenzione per imparare le nuove associazioni.

 

Per la terza fase dello studio metà dei bambini ha ripetuto l’attività della prima fase il giorno stesso, l’altra metà dopo due giorni. Trattandosi di un compito già svolto in precedenza, normalmente i bambini avrebbero dovuto mostrare una performance maggiore (è più facile per il cervello ricordare che apprendere ex novo) e invece i risultati sono stati inattesi.

 

I bambini che hanno ripetuto subito l’attività hanno mostrato punteggi medi pari al 60 e 90% tra l’inizio e la fine del gioco (come nella prima parte dell’esperimento), segno che in quel caso stavano praticamente imparando da capo le associazioni ovvero non ricordavano nulla della prima fase.

 

Al contrario, i bambini sottoposti allo studio dopo due giorni di riposo hanno iniziato l’attività con un sorprendente punteggio dell’85% per terminarlo oltre il 90%.

[Ti consiglio anche: potenziare la memoria nei bambini]

Sonno e giusto tempo: la combinazione vincente per l’apprendimento nei bambini

Proporre la terza fase dell’esperimento a bambini che avevano avuto il giusto tempo di riposo, ha determinato un vantaggio considerevole nel permettere loro di ricordare le associazioni. Si conferma in questo modo la necessità del cervello di riposare e prendersi del tempo per convertire la memoria a breve termine (ciò che abbiamo appena imparato) in memoria a lungo termine (ciò che ricordiamo).

[Ti consiglio: l’ippocampo e la formazione dei ricordi]

 

I ricercatori hanno commentato i risultati spiegando che quando i bambini apprendono concetti simili a breve distanza di tempo, si crea nel cervello un’interferenza che permette loro di ricordare solo il secondo concetto. Introducendo un ritardo, una pausa sufficiente tra i vari compiti di apprendimento, invece, l’interferenza viene eliminata.

  

Una conferma in effetti di ciò che decine di mamme e papà sperimentano quotidianamente: spesso, quando si spiegano concetti complessi, i bambini sembrano non capire mai e continuano a fare le stesse domande. Poi, giorni dopo, quando gli adulti nemmeno se lo aspettano, i piccoli sono in grado di riproporre quelle stesse conoscenze come se facessero parte del loro bagaglio da sempre. Con la naturalezza tipica dei piccoli geni.

[Ti consiglio anche: dormire poco, rischio di obesità nei bambini]

 

 

Linguaggio del corpo - bocca e labbra

Linguaggio del corpo: bocca e labbra

Il linguaggio del corpo passa dalla bocca: toccare o mordere le labbra e mostrare la lingua trasmettono attrazione, interesse ma anche rabbia o disgusto.

Al centro dell'attenzione: come reagisce il cervello degli adolescenti

Al centro dell'attenzione: come reagisce il cervello degli adolescenti

Il corpo striato nel cervello degli adolescenti impazzisce: ecco perché amano sentirsi sempre al centro dell’attenzione e assumere atteggiamenti rischiosi.

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

Fisica e medicina, quale affinità? Intervista a Angela Coniglio, fisico medico

La dott.ssa Coniglio, dirigente presso ASL Roma1, rivela la figura del fisico medico, un professionista che lavora dietro le quinte per la nostra salute

Stretta di mano: quale significato nasconde

stretta di mano: quale significato nasconde

Il linguaggio del corpo ci insegna a distinguere la stretta di mano autentica da quella forzata e ambigua: scopriamo i segnali da non lasciarsi sfuggire.

Over 60 e social media: una risorsa in più per la vita sociale

over 60: il futuro business di Facebook

I social media non sono più un tabù per gli over 60: la tecnologia è sempre più accessibile per potenziare le relazioni sociali e contrastare la solitudine.

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Molti virus, tra cui i coronavirus, trovano un serbatoio naturale nei pipistrelli ma è la mutazione genetica a conferire loro il potere di trasferirsi all'uomo.

Perché dormire fa bene al cervello

Perché dormire fa bene al cervello

Cosa fa il cervello quando siamo impegnati a dormire: recenti ricerche sottolineano l’importanza del sonno per contrastare le malattie neurodegenerative.

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

Nella mente degli altri - Rizzolatti, Vozza

"Nella mente degli altri" di Giacomo Rizzolatti e Lisa Vozza è un saggio esaustivo e autorevole che approfondisce il tema dei neuroni specchio a 360 gradi.

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio si trasmette per via ereditaria: una nuova ricerca scopre nel DNA i geni che influenzano le relazioni di coppia e la tendenza a divorziare.

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

I segnali dell'attrazione passano attraverso il contatto fisico, spesso però sono talmente prudenti da lasciare dubbi. Ecco come conoscerli e interpretarli.

10 consigli per mantenere il cervello in forma

10 consigli per mantenere il cervello in forma

Attività fisica, dieta sana, meno stress e tanti libri: 10 consigli facili da seguire (e qualche sorpresa) per mantenere il cervello sempre in forma.

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

I pazienti con sindrome di Laron sono immuni a tumore e a diabete e protetti contro l'invecchiamento: dall'Ecuador nuovo impulso a ricerca e medicina.