scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Le domande che da sempre tormentano l'uomo sull'origine del mondo e della vita sono, a distanza di millenni, quesiti ancora irrisolti. Barricate agli antipodi di un sapere che è ben lontano dal rappresentare una certezza, scienza e religione si contendono il consenso umano a colpi di ricerche e scomuniche. Ma da dove nasce il conflitto?

In presenza del conflitto tra religione e scienza, nel cervello si oppongono due reti neurali

Per analizzare il rapporto tra scienza e fede, Tony Jack, docente di filosofia alla Case Western Reserve University (Ohio), ha guidato una serie di esperimenti concentrandosi sul comportamento umano in materia religioso-scientifica. In particolare, lo studio ha focalizzato la sua attenzione sull'attività cerebrale attraverso l'utilizzo della risonanza magnetica funzionale.

Le indagini hanno permesso di individuare nel cervello umano due distinte reti di neuroni: una analitica che ci permette di pensare in maniera critica e l'altra sociale che ci rende capaci di provare empatia.

Si tratta di complesse reti di comunicazioni tra i neuroni che, secondo il professor Jack, si inibiscono a vicenda quando siamo di fronte a un conflitto.

Nel momento in cui crediamo fermamente che Dio ha creato l'Universo e l'uomo senza porci troppe domande, nel nostro cervello è attiva la rete neurale sociale che ci rende persone molto empatiche e più propense a interagire con il prossimo.

Al contrario, se l'unico nostro dio è la scienza fatta di prove concrete e riproducibili, la rete analitica cerebrale diventa predominante e inibisce quella opposta convincendoci a rinnegare tutto ciò che è accettato solo per fede.

[Ti consiglio anche: come la religione influenza le scelte]

Credere solo alla scienza o alla religione è controproducente

La vera lotta tra fede e religione sembra quindi avere una radice molto profonda dentro noi stessi e d'altro canto, stando così le cose, potremmo credere che non ci sarà mai una risoluzione del dilemma.

Ma esiste davvero un conflitto tra scienza e religione?

La domanda è un po' provocatoria e, sebbene gli scienziati siano i primi a basare i propri metodi di analisi solo su ciò che è provato e riproducibile, sono proprio loro a risolvere l'enigma: considerare fede e scienza agli estremi opposti della conoscenza umana è controproducente. Vediamo perché.

Credere nel soprannaturale mettendo da parte il pensiero analitico ci aiuta a essere più aperti alla comprensione emotiva e sociale ma, se condotto all'estremo, tale atteggiamento sospende (e offende) le nostre capacità cerebrali.

Rinnegare qualsiasi tipo di credenza religiosa compromette la nostra capacità di entrare in empatia con gli altri. L'empatia è un aspetto fondamentale della cosiddetta intelligenza emotiva, caratteristica che rende alcuni leader più competenti e persuasivi.

[Per saperne di più sull'empatia: neuroni specchio – empatia, linguaggio e autismo

L'empatia è nel DNA delle donne]

Scienza e fede non sono agli antipodi

Alla luce di tali evidenze, gli scienziati sostengono dunque che l'uomo sia destinato a integrare entrambi i processi cognitivi che, pur opponendosi l'uno all'altro sul piano funzionale, non si escludono su quello comportamentale.

Del resto, scienza e fede non sono poi così distanti: dove l'una può dare spiegazioni di fenomeni sorprendenti, l'altra può promuovere la creatività scientifica. Non è un caso, forse, che il 90% degli scienziati insigniti del premio Nobel nell'ultimo secolo sia rappresentato da credenti.

E chissà che non sia proprio la scienza un giorno a dimostrare che Dio esiste!

L'uomo incontra Dio dietro ogni porta che la scienza riesce ad aprire (Albert Einstein).

[Ti consiglio anche: sincronicità – le coincidenze non sono un caso]

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

10 consigli per avere figli felici

10 consigli per avere figli felici

I vostri figli non sono mai felici? Forse è ora di cambiare metodo. Dalla scienza 10 consigli per valorizzare il rapporto genitori-figli e vederli sorridere.

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

Allattamento al seno: il latte materno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati rendendo i neuroni più veloci ed efficienti.

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Cos'è l'intelligenza? Non basta il bagaglio culturale: una persona viene definita "intelligente" in base alla flessibilità delle sue reti neurali.

Quanto pesa il cervello?

quanto pesa il cervello

Quanto pesa il cervello? Perché è l'organo più grasso? Quanto sangue attraversa il cervello? Numeri e curiosità sull'organo più complesso del corpo umano.

Tormentare le dita della mano

tormentare le dita della mano

Tormentarsi le mani indica la voglia di rimproverare se stessi o di scappare.

Il contatto fisico

il contatto fisico

Il contatto fisico rivela il carattere: chi lo evita è rigido e autoritario, chi lo cerca è indipendente, cordiale e sicuro di sé.

Traumi familiari e coincidenze di date

Traumi familiari e coincidenze di date

Alcuni traumi familiari si verificano negli stessi periodi: secondo gli esperti, le coincidenze di date sarebbero dovute a una memoria transgenerazionale.

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori distratti dalla tecnologia: anche solo controllare un messaggio in chat disturba il rapporto con i figli che diventano nervosi e insofferenti.

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Un caffè a volte non basta: l'induzione enzimatica spiega perché gli affezionati della sigaretta hanno bisogno di più caffeina per sentirsi carichi.

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Differenze uomo-donna: l'attrazione nella scelta del partner

Differenze uomo-donna: la scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.