sposarsi per sconfiggere il tumore

 Il tumore è una delle patologie che incutono più paure e dubbi. I motivi sono da ricercare nel comportamento subdolo poiché si nasconde dietro sintomi spesso generici lasciandosi scoprire quando ha già provocato troppi danni. La ricerca negli ultimi decenni ha fatto passi da gigante riuscendo in alcuni casi a individuare valide terapie che, sempre più spesso, riescono perfino a sconfiggere il tumore. La ricerca quindi è fondamentale.

Alcuni studi però si allontanano dai laboratori per analizzare le condizioni psicosociali dei pazienti affetti da vari tipi di tumore: lo scopo è quello di individuare fattori che influiscono sul modo in cui il paziente si rapporta alla patologia e al percorso terapeutico. Molti studi dimostrano infatti che affrontare qualunque tipo di malattia con un atteggiamento positivo aumenta l’efficacia delle cure: un approccio ottimista associato a uno stile di vita attivo migliora il benessere psicofisico rafforzando le difese immunitarie.

 

Sono diversi gli aspetti che influiscono sul nostro modo di rapportarci alla vita ma senza dubbio il peso maggiore è rappresentato dalla sfera sociale. Il legame che è alla base della società è la famiglia e prima ancora che arrivino i figli, il rapporto uomo-donna costruisce le fondamenta dell’interazione tra gli individui.

I benefici del matrimonio

I ricercatori dell’Università di Boston (USA) hanno effettuato indagini su 700.000 individui colpiti da vari tipi di tumore tra il 2004 e il 2008 per individuare, se esiste, una relazione tra il rapporto di coppia e l’evoluzione del tumore.

Incrociando un numero notevole di dati, gli studiosi sono stati in grado di affermare che il matrimonio ha un effetto positivo contro questa grave patologia.

 

Secondo i risultati dell’indagine, infatti, i soggetti sposati hanno il 20% in meno di probabilità di morire entro 3 anni rispetto ai single e il 17% in meno di probabilità di sviluppare metastasi.

 

I risultati sono sorprendenti e gli esperti spiegano questi effetti sottolineando che in casi simili il supporto sociale è determinante: la presenza costante del partner fa sì che si possano condividere le diagnosi e le opinioni mediche diminuendo il grado di depressione e ansia, garantisce un sostegno durante gli appuntamenti e l’incentivo a condurre uno stile di vita sano e a essere costanti nelle cure. Tutti fattori che, se si è da soli in una situazione dolorosa e devastante, possono essere facilmente trascurati.

L’atteggiamento di fronte al tumore

Ciò che ha più stupito gli stessi ricercatori è che i benefici da matrimonio in alcuni casi sarebbero superiori perfino a quelli ottenuti con la chemioterapia.

È importante ovviamente non confondere i due aspetti: la chemioterapia, ove necessaria, è un potente strumento per la lotta al tumore ma a volte da sola non basta perché se il paziente “ha paura” della malattia può lasciarsi sconfiggere senza combattere. Al contrario, la forza d’animo e la convinzione di essere più forti del cancro possono ottenere risultati anche migliori.

Non bisogna generalizzare, ma è questo il messaggio che gli studiosi e i medici cercano di diffondere: nessuna terapia può riuscire lì dove il paziente non lo permette.

Ti consiglio: preoccuparsi fa bene alla salute

Il sostegno sociale per i pazienti affetti da tumore è essenziale

Più che dare particolare merito al matrimonio, questa ricerca mira in realtà a sottolineare l’importanza di avere un buon supporto sociale in momenti delicati come l’iter medico per patologie gravi.

Incentivare comportamenti adeguati da parte di personale formato e competente potrebbe migliorare notevolmente l’aspettativa di vita di pazienti affetti da tumore riuscendo in qualche caso a eludere perfino la chemioterapia.

 

Condividere la propria vita con un compagno è un impegno importante per se stessi e per la propria famiglia ma spesso, gravati da impegni, limiti, difficoltà che possono sembrare insormontabili, dimentichiamo i benefici che un partner può regalarci. La ricerca ci viene in soccorso ricordandoci che, nonostante tutto, in due si vive meglio.

 

E se il rapporto di coppia è litigarello? Nessuna preoccupazione: i litigi servono a regolare l’emotività della coppia. Per saperne di più: il conflitto nella vita di coppialitigare sì, ma nel modo giusto.

 

 

 

Differenze uomo donna: comportamento e relazioni

Differenze uomo donna: comportamento e relazioni

Differenze uomo donna: cosa ci rende così diversi? La scienza spiega quali sono i miti da sfatare e cosa nasconde il comportamento di lui e di lei.

Differenze uomo-donna: l'attrazione nella scelta del partner

Differenze uomo-donna: la scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo?

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Curiosità sul bacio - vero o falso

vero o falso: cosa sai sui baci?

Curiosità e luoghi comuni sul bacio. È più importante per lui o per lei? Quanto conta in una relazione? Perché le donne baciano alcuni uomini più di altri?

Le illusioni ottiche

Le illusioni ottiche

Cosa sono le illusioni ottiche? Perché il cervello cade vittima di inganni visivi?

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Un robot per studiare il sorriso dei neonati

diego san, il robot bambino

Il sorriso dei neonati non è una risposta automatica all’espressione degli adulti: la ricerca rivela che i neonati sorridono per un motivo ben preciso.

Potenziare la memoria nei bambini

Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

Evitare lo sguardo

evitare lo sguardo

La direzione dello sguardo indica la nostra attenzione: deriva da un gesto riconducibile a quando eravamo allattati.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.