ravviarsi i capelli

Il gesto di ravviarsi i capelli è molto frequente ed esprime una particolare esigenza a seconda del modo in cui viene eseguito.

  

Quando la mano viene passata tra i capelli sulla parte alta della testa, dalla fronte all’indietro, il corpo esprime la sensazione di scampato pericolo. È un movimento eseguito in genere quando si presagisce una minaccia che però non si rivela tale. Equivale a trarre un sospiro di sollievo e deriva dal ricordo della carezza rassicurante del genitore sulla testa.

 

Diverso è invece il gesto di ravviarsi i capelli a livello della nuca: l’intenzione è quella di dar loro volume e ciò rivela una certa vanità e la voglia di apparire al meglio.

[Questo articolo è ispirato al libro

I messaggi segreti del corpo]

Vuoi saperne di più sul linguaggio del corpo? Ecco alcuni dei tanti articoli di S&P:

Evitare lo sguardo

Mostrare il piede - seduzione

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

Linguaggio del corpo: bocca e labbra

Trovi tutti gli articoli qui: Linguaggio del corpo

A contatto con la natura: benessere per mente e corpo

Una sola semplice regola per migliorare il nostro benessere fisico e mentale: basta trascorrere due ore a settimana a contatto con la natura.

Differenze uomo-donna: l'attrazione nella scelta del partner

Cosa influenza i nostri comportamenti nella scelta del partner? L'attrazione fisica e l'evoluzione spiegano le differenze tra uomo e donna.

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Ultracentenari in buona salute: la scienza spiega perché mangiare poco e essere ottimisti aiuta a spegnere cento candeline senza grandi rimorsi.

Differenze uomo donna: comportamento e relazioni

Differenze uomo donna: cosa ci rende così diversi? La scienza spiega quali sono i miti da sfatare e cosa nasconde il comportamento di lui e di lei.

Grafologia: come riconoscere il partner affidabile

Grafia lineare e regolare, proporzionale ai margini del foglio, senza eccessi o spigolosità: ecco come scrive il partner affidabile, sicuro di sé e fedele.