stretta di mano: quale significato nasconde

Il linguaggio del corpo ci insegna a distinguere la stretta di mano autentica da quella forzata e ambigua: scopriamo i segnali da non lasciarsi sfuggire.

La stretta di mano è uno dei gesti più antichi e significativi tramandati attraverso i secoli. È il gesto di saluto più adatto durante le presentazioni e in contesti professionali, ma è anche un modo per trasmettere e percepire emozioni e stati d'animo.

 

Ci sono diversi aspetti da valutare quando si stringe la mano di qualcuno – la forza della stretta, la distanza tra i corpi, la posizione del palmo della mano – ma è importante conoscere anche i diversi tipi di stretta di mano in modo da comprendere immediatamente il grado di interesse che la persona nutre nei nostri confronti.

L'intensità della stretta di mano è uno dei primi aspetti che ci colpiscono: una stretta di mano troppo forte trasmette aggressività e voglia di predominare, una stretta "molle" invece è spesso indice di una personalità timida e priva di carattere.

Anche la durata della stretta di mano dev'essere adeguata: in media circa dieci secondi e con non più di due-tre oscillazioni.

Attenzione al palmo della mano: tendere la mano con il palmo rivolto verso il basso indica la propensione a dominare; al contrario, il palmo rivolto verso l'alto trasmette poco carattere.

[Ti consiglio anche: l'orientamento del corpo

per capire dov'è rivolta l'attenzione di chi ti sta di fronte]

Qual è la strada migliore per una stretta di mano efficace che dia un'ottima impressione?

Di sicuro quella che evita tutti gli errori appena visti, quindi: palmo perpendicolare al suolo, stretta di mano calibrata alla giusta intensità (attenzione se si tratta di anziani e bambini!) e durata non eccessiva.

Da ricordare poi che ci sono gerarchie da rispettare soprattutto in ambito lavorativo: in genere è il "capo" a porgere per primo la mano e, se vogliamo rispettare il galateo, mai porgere la mano a una donna se non è lei la prima a farlo.

La stretta di mano spesso avviene in modi particolari che possono trasmettere un preciso stato d'animo. Vediamo come riconoscerli.

[Ti consiglio anche: istinto-quanto ci influenza]

 

Stretta di mano con testa inclinata

È un gesto che viene eseguito inclinando la testa verso la spalla (destra o sinistra non fa differenza) ed esterna l'intenzione di voler guardare l'altro da una prospettiva leggermente diversa.

Il gesto è dovuto ad un sottile senso di sospetto nei confronti di chi ci stringe la mano o di ciò che sta dicendo.

Stretta di mano con braccio teso e rigido

Tenere il braccio molto teso durante una presentazione o una stretta di mano, equivale alla volontà di "tenere le distanze" con l'interlocutore. La rigidità muscolare è inoltre un indicatore di disagio.

È evidente, quindi, che una stretta di mano con braccio teso trasmette fastidio nei confronti di chi ci sta di fronte, di ciò che dice o anche del contesto in cui ci si trova. Spesso reagisce in questo modo chi è costretto a presentarsi ma ne farebbe volentieri a meno.

Stretta di mano con entrambe le mani

Si usano entrambe le mani in genere quando si tratta di un commiato, spesso accompagnato da parole d'occasione.

In realtà il gesto potrebbe avere anche un'altra valenza: coprire con l'altra mano il saluto, può anche indicare l'intenzione di voler nascondere qualcosa. È quindi un atteggiamento da considerare attentamente in relazione al contesto.

 

Stretta di mano toccando la spalla

Stringere la mano toccando con l'altra la spalla dell'interlocutore è un gesto affettuoso e paternalistico in genere messo in atto da due persone che non sono allo stesso livello.

È un atteggiamento che pone le distanze tra i ruoli ma non ostenta presunzione: indica una relazione confidenziale e affettuosa per questo spesso è accompagnato da un sorriso caldo e sincero.

Stringere la mano è dunque un atteggiamento da non prendere sottogamba: conoscere il significato di ogni sfaccettatura del gesto ci permette di riconoscere immediatamente le intenzioni altrui e magari nascondere le nostre!

[Leggi anche: come leggere le emozioni nello sguardo]

[Questo articolo è ispirato al libro

i messaggi segreti del corpo]

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è la chiave di lettura delle relazioni umane. Uno studio conferma che il DNA predispone le donne a leggere lo sguardo per comprendere le emozioni.

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccinarsi o no? I dubbi sono tanti e le bufale anche: cerchiamo di capire in maniera semplice cosa sono i vaccini e perché sono tanto importanti.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.

Einstein, genio senza confini - P.Baccalario (recensione)

Einstein, genio senza confini - Baccalario - Recensione
Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo.

Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico di Einsten.

Over 60 e social media: una risorsa in più per la vita sociale

over 60: il futuro business di Facebook

I social media non sono più un tabù per gli over 60: la tecnologia è sempre più accessibile per potenziare le relazioni sociali e contrastare la solitudine.

Il processamento del suono

Il Processamento del suono

 Un’analisi a tutto tondo per comprendere il processamento del suono da parte del cervello: evoluzione, fattori connessi, utilità nella pratica clinica.

Donne e attrazione: sfatiamo un mito

donne e attrazione: sfatiamo un mito

Le donne cercano intelligenza e affidabilità nel partner ma la scienza dimostra che sono solo parole: come per gli uomini, è l'attrazione fisica a guidarle.

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Starnuti e naso chiuso al mattino, sintomi spesso dovuti all'allergia agli acari della polvere. Vediamo di cosa si tratta e soprattutto come rimediare.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Cause dell'Alzheimer: come prevenirlo in 3 mosse

scopri se avrai l'alzheimer

Le cause dell’Alzheimer non sono ancora note ma i fattori di rischio sì. Ecco come prevenire e scoraggiare in tempo la demenza senile con le buone abitudini.

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Neuropilina 1: il recettore individuato dai ricercatori napoletani che potrebbe spiegare i motivi per cui i bambini si ammalano meno di Covid-19.