Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

Come quasi tutti gli atteggiamenti messi in atto in maniera inconsapevole, anche grattarsi è un modo attraverso il quale l'organismo scarica la tensione fisica o psicologica. Il gesto di grattare è legato ad un fastidio a cui si vuole porre rimedio e, a seconda della parte del corpo interessata, può indicare un disagio più o meno forte.

 

Grattarsi sotto il mento o sulla fronte

Quando ci si gratta la zona del collo, in genere il mento è sollevato verso l'alto. Il gesto può essere eseguito a mani nude, con il dito indice o medio che percorre il collo dalla base al mento a volte anche in posizione orizzontale. Lo stesso movimento può essere eseguito con una penna oppure pizzicando l'area del pomo d'Adamo.

Il messaggio inconscio che trasmettiamo con questo movimento è un senso di scetticismo o disinteresse nei confronti di ciò che stiamo osservando o ascoltando.

Grattarsi sulla fronte rende il segnale ancora più forte poiché il gesto imita l'espressione di incredulità che produce le tipiche pieghe orizzontali sulla fronte. Grattarsi le sopracciglia o la fronte con due dita della mano che premono verso l'alto è il tipico gesto di chi vuole nascondere il proprio scetticismo in un contesto in cui sarebbe inopportuno.

 

Grattare o pizzicare il volto

Le parti del volto maggiormente interessate sono il mento e le guance ma anche il collo.

Pizzicarsi è un atto più deciso rispetto al grattarsi e denota un senso di disagio più forte. In questo caso si manifesta un vero e proprio desiderio di fuggire dalla situazione in cui ci si trova: pizzicare la pelle ha infatti l'effetto inconscio di "spostarla" dalla sua sede. In alcuni casi il fastidio è talmente forte che ci si accanisce contro capelli e peli (ad esempio le sopracciglia) fino a strapparli.

Grattarsi il naso, lo zigomo o l'angolo degli occhi

Grattarsi il naso in genere coinvolge la parte esterna delle narici e la piega tra naso e labbra. Spesso il movimento è più deciso e spinge a storcere il naso con le dita.

Grattarsi il naso è un gesto che trasmette un profondo disaccordo o rifiuto nei confronti di ciò che si ha di fronte, spesso indice di un vero e proprio disprezzo.

Il senso di fastidio è tanto più forte quanto più le dita sono vicine alle narici. Se poi il gesto è ripetuto più volte, allora l'intensità del gesto è indiscutibile.

Anche grattarsi lo zigomo o l'angolo interno degli occhi denota un senso di disagio anche se un po' meno marcato.

Il gesto tipico è quello di toccare l'angolo interno dell'occhio come per rimuovere qualcosa: il messaggio che trasmettiamo in questo caso è la volontà di togliere via ciò che ci disturba in quel momento – un discorso, una persona, una situazione.

Se invece è coinvolto l'angolo esterno dell'occhio spesso si tratta di un modo delicato di nascondere una lacrima.

Grattare o pizzicare il collo

Se la parte interessata del collo è quella della base e il movimento è eseguito infilando un dito nel colletto della camicia, allora non ci sono dubbi: è una reazione di fuga.

In genere la bocca resta socchiusa e gli occhi sono un po' più sporgenti del solito.

La persona che mostra questo atteggiamento fa fatica a nascondere ansia e nervosismo in una situazione a cui, evidentemente, non può sottrarsi.

Tentare di allargare il colletto è una risposta inconscia a una reazione biologica: provare ansia genera un restringimento della gola e la sensazione di respirare a fatica.

Chi mostra questi segnali, non c'è dubbio, scapperà appena possibile.

[Trovi qui gli altri articoli della sezione Linguaggio del corpo – Attrazione – Seduzione]

Quest'articolo è liberamente ispirato al libro

I messaggi segreti del corpo

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è nel DNA delle donne

L'empatia è la chiave di lettura delle relazioni umane. Uno studio conferma che il DNA predispone le donne a leggere lo sguardo per comprendere le emozioni.

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccinarsi o no? I dubbi sono tanti e le bufale anche: cerchiamo di capire in maniera semplice cosa sono i vaccini e perché sono tanto importanti.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.

Einstein, genio senza confini - P.Baccalario (recensione)

Einstein, genio senza confini - Baccalario - Recensione
Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo.

Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico di Einsten.

Over 60 e social media: una risorsa in più per la vita sociale

over 60: il futuro business di Facebook

I social media non sono più un tabù per gli over 60: la tecnologia è sempre più accessibile per potenziare le relazioni sociali e contrastare la solitudine.

Il processamento del suono

Il Processamento del suono

 Un’analisi a tutto tondo per comprendere il processamento del suono da parte del cervello: evoluzione, fattori connessi, utilità nella pratica clinica.

Donne e attrazione: sfatiamo un mito

donne e attrazione: sfatiamo un mito

Le donne cercano intelligenza e affidabilità nel partner ma la scienza dimostra che sono solo parole: come per gli uomini, è l'attrazione fisica a guidarle.

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Starnuti e naso chiuso al mattino, sintomi spesso dovuti all'allergia agli acari della polvere. Vediamo di cosa si tratta e soprattutto come rimediare.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Cause dell'Alzheimer: come prevenirlo in 3 mosse

scopri se avrai l'alzheimer

Le cause dell’Alzheimer non sono ancora note ma i fattori di rischio sì. Ecco come prevenire e scoraggiare in tempo la demenza senile con le buone abitudini.

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Perché i bambini si ammalano meno di Covid-19?

Neuropilina 1: il recettore individuato dai ricercatori napoletani che potrebbe spiegare i motivi per cui i bambini si ammalano meno di Covid-19.