Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

 L'obesità è un problema preoccupante a ogni età ma sempre più spesso l'attenzione in tema di alimentazione è focalizzata sui bambini.

Sebbene in Italia sia stato rilevata una leggera diminuzione dell'obesità infantile nel 2016 (dati del Ministero della Salute), l'Italia resta fanalino di coda tra i paesi europei secondo quanto conferma l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

 

Come è ormai noto, i bambini obesi saranno molto probabilmente degli adulti obesi. Ciò aumenta il rischio di sviluppare malattie croniche come il diabete ma influisce anche sull'autostima e la vita sociale durante la crescita: è da questi presupposti che nascono spesso depressione e disturbi dell'alimentazione come anoressia e bulimia.

Intervenire sulla nutrizione dei bambini, magari insegnando loro la corretta alimentazione in maniera divertente, è il primo passo verso lo sviluppo di una maggiore consapevolezza a tavola. Ma non basta. 

[Ti potrebbe interessare: Frutta e verdura ai bambini? Ecco 7 consigli]

Dormire poco aumenta l'obesità

Buone abitudini alimentari, allattamento al seno e attività fisica costante sono solo alcuni dei consigli che medici e pediatri dispensano da anni. Recenti ricerche hanno però messo in risalto un nuovo aspetto legato all'alimentazione: dormire bene.

 

Pensa al mattino, agisci nel pomeriggio, mangia alla sera, dormi di notte. (W. Blake)

 

Dormire è importante e ha un'influenza notevole sulla nostra vita quotidiana: oltre a farci sentire riposati e carichi, il sonno regola importanti funzioni biologiche. Vediamo quali:

  • il cervello sistema le informazioni ricevute e forma i ricordi
  • il sistema immunitario si rafforza
  • il cervello effettua attività di pulizia da sostanze tossiche che, a lungo andare, contribuiscono all'insorgenza di malattie neurodegenerative come l'Alzheimer
  • si riaccumulano le energie spese durante la veglia
  • viengono regolati l'orologio interno attraverso il ciclo luce/buio e la temperatura corporea

 

[Puoi approfondire qui: l'ippocampo e la formazione dei ricordi

dormire tanto per invecchiare meglio]

Da quanto emerge da recenti ricerche, dormire bene è associato anche a un minore apporto di calorie. Riscontrata da tempo in adulti e adolescenti, la relazione sonno-fame trova conferma anche nei bambini in età pre-scolare.

 

L'obesità nei bambini dipende anche dalla quantità di sonno

La conferma arriva da uno studio condotto all'Università del Colorado: i bambini di 3-4 anni, privati del sonno, assumono il 20% in più di calorie rispetto al solito e l'aumento interessa soprattutto gli zuccheri (25% in più).

È bastato evitare il sonnellino pomeridiano e ritardare di due ore il momento serale della nanna un solo giorno per ottenere differenze così marcate.

Il giorno dopo i ricercatori hanno permesso ai bimbi di dormire secondo le loro necessità e hanno misurato di nuovo i loro parametri.

Il risultato? Recuperando il sonno perduto, i livelli di zuccheri sono rientrati subito ma le calorie consumate, sebbene in calo, sono state ancora superiori alla norma del 14%.

Il sonno disturbato dei bambini

Secondo la National Sleep Foundation, circa il 30% dei bambini in età pre-scolare non dorme abbastanza. Le cause sono da ricercare probabilmente nella vita frenetica che oggi conduciamo e che coinvolge in maniera sempre più diretta anche i nostri figli.

La tecnologia fa la sua parte: sempre più spesso, per concederci qualche momento di relax lasciamo che i bambini restino ancorati a tablet e smartphone anche a letto. Niente di più sbagliato: diversi studi confermano infatti che l'esposizione alla luce degli schermi disturba il sonno.

Dire basta alla tecnologia prima di dormire può migliorare la qualità del sonno per noi e per i nostri bambini e magari, leggendo insieme qualche pagina di un buon libro, rafforzare un legame che sarà la base per le relazioni sociali dei nostri figli. 

[Ti potrebbe interessare: genitori e tecnologia, quando dire basta]

 

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Ultracentenari in buona salute: la scienza spiega perché mangiare poco e essere ottimisti aiuta a spegnere cento candeline senza grandi rimorsi.

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

"Se fa male, non è amore" di Montse Barderi è un saggio pubblicato da Feltrinelli nel 2018, tradotto in Italia da Claudia Marseguerra.

Single più felici? Dipende...

SINGLE PIÙ FELICI? DIPENDE...

Secondo la scienza i single sono più indipendenti, coltivano un maggior numero di relazioni sociali e hanno lavori più gratificanti. Ma sono anche più felici?

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Testa o cuore: tu da che parte stai?

testa o cuore. tu da che parte stai?

Testa e cuore ci influenzano più di quanto immaginiamo: la distinzione tra brain-person e heart-person ha ripercussioni su carattere e scelte quotidiane.

Preoccuparsi fa bene alla salute

Preoccuparsi fa bene alla salute

Una buona dose di preoccupazione ci rende attenti alla salute, mitiga le emozioni negative e migliora il successo in ambito lavorativo e scolastico.

L'amore parte dal cervello

L'amore parte dal cervello

Innamorarsi parte dal cervello: la scintilla dell'amore impiega solo duecento millisecondi ad attivare le reazioni che sconvolgono dentro di noi mente e cuore.

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

L’obesità infantile è un problema sempre più urgente: consigli e regole dagli esperti per promuovere la cultura della sana alimentazione sin da piccoli.

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Prevenire l'Alzheimer: attività fisica per il cervello

Prevenire l'Alzheimer: attività fisica per il cervello

La professoressa Wendy Suzuki spiega tre motivi per i quali l'attività fisica potenzia il cervello e aiuta a prevenire Alzheimer e demenza senile.

Feromoni: cosa sono e quanto contano nell'attrazione

Feromoni: cosa sono e quanto contano nell'attrazione

I feromoni, importanti nell'attrazione tra gli animali, sono stati rivalutati anche nella specie umana. Qual è il loro ruolo nella scelta del partner?