Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

 I bambini, si sa, hanno una memoria imbattibile: sono in grado di ricordare dettagli a cui noi adulti a stento facciamo caso, ripetere i colori di un disegno, canticchiare una musica ascoltata una sola volta e, neanche a dirlo, non dimenticano una sola parola dei discorsi di mamma e papà.

Il cervello dei bambini ha capacità impressionanti dalla nascita fino ai sette anni, periodo durante il quale sviluppano l'apprendimento di una lingua (spesso anche due), la coordinazione dei movimenti, i meccanismi della logica e del calcolo, la scrittura, l'interpretazione della gestualità e delle espressioni facciali, le dinamiche delle relazioni sociali. In poche parole, imparano a vivere.

[Ti consiglio anche: baby talk – perché imitiamo il linguaggio dei bambini]

Il cervello dei bambini può essere allenato.

Il cervello del bambino ha una plasticità che quello dell'adulto non possiede. Non solo. Da quanto emerge dai risultati di importanti ricerche, è possibile sottoporre i bambini ad attività che coinvolgano la memoria per potenziarla.

 

La conferma arriva da uno studio pubblicato su Journal of Neuroscience che ha analizzato l'abilità cerebrale dei bambini utilizzando un gioco di memoria. Esso prevedeva livelli di difficoltà via via crescenti per alcuni bambini e un unico livello, molto semplice, per altri.

I bambini sottoposti a esercizio intensivo hanno dimostrato, al termine dello studio, una capacità di memoria molto maggiore rispetto ai bambini dell'altro gruppo. Inoltre il potenziamento riguardava ogni tipo di attività e non soltanto il gioco a cui erano stati sottoposti.  

[Ti consiglio anche: come migliorare l'apprendimento nei bambini]

Gli esercizi di memoria potenziano l'attività elettrica del cervello

Il team del dott. Duncan Astle del Medical Research Council (MRC) ha approfondito questo interessante aspetto utilizzando un approccio più diretto. Attraverso la convergenza della magnetoencefalografia e di specifici software, è stato possibile analizzare le scansioni cerebrali dei bambini prima e dopo un intenso allenamento cerebrale e metterle in relazione ai cambiamenti del cervello.

  

L'analisi dei risultati ha confermato quanto già noto: nei bambini, un intenso esercizio del cervello modifica alcune connessioni cerebrali, in particolare quelle coinvolte in memoria e attenzione.

 

Il team ha però scoperto qualcosa di ancora più interessante.

A livello dei lobi frontale e parietale del cervello, esistono delle strutture che emettono un segnale elettrico ritmico che sincronizza l'attività di altre aree cerebrali.

Cosa significa questo? Il dott. Astle paragona queste strutture a un pacemaker: essere sono in grado di dare la spinta ad altre regioni cerebrali per contrallarne (e probabilmente ottimizzarne) l'attività.

 

Nei bambini sottoposti allo studio, i ricercatori hanno rilevato che il segnale elettrico ritmico di queste aree ha un'influenza maggiore ovvero risulta potenziato.

Saperne di più per affrontare i deficit di apprendimento nei bambini

Questo studio ha una rilevanza notevole nell'ambito delle patologie che coinvolgono deficit di apprendimento nei bambini: esso dimostra infatti che è possibile intervenire con esercizi intensivi per potenziare la memoria e migliorare le abilità complessive del bambino.

 

Un'ulteriore conferma, quindi, del fatto che la plasticità del cervello può rappresentare uno strumento molto valido nelle mani degli educatori al fine di potenziare le capacità dei bambini e soprattutto far fronte alle più comuni difficoltà nell'apprendimento. 

[Ti consiglio anche: i bambini imparano per imitazione]

 

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Come migliorare le capacità di problem solving: la scienza consiglia di puntare sull'intuizione più che sull'analisi e concedersi il giusto tempo di riposo.

Uomini più creativi: è solo un pregiudizio

uomini più creativi: è solo un pregiudizio

Gli uomini sono più creativi, innovativi e coraggiosi: la scienza conferma che le gerarchie del lavoro si fanno in quattro per proteggere gli stereotipi.

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Non solo nozioni: l'intelligenza è flessibilità

Cos'è l'intelligenza? Non basta il bagaglio culturale: una persona viene definita "intelligente" in base alla flessibilità delle sue reti neurali.

Una canzone nella testa: perché si ripete e come rimediare

Quella canzone nella testa

Una canzone nella testa che si ripete in maniera ossessiva? Nessuna preoccupazione: la scienza fornisce un rimedio curioso alla portata di tutti.

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccini: capire in modo semplice cosa sono e come funzionano

Vaccinarsi o no? I dubbi sono tanti e le bufale anche: cerchiamo di capire in maniera semplice cosa sono i vaccini e perché sono tanto importanti.

Gravidanza over 35: il cervello ringrazia

GRAVIDANZA OVER 35: IL CERVELLO RINGRAZIA

La gravidanza dopo i trentacinque anni rende le donne più intelligenti in tarda età: il merito è degli ormoni sessuali, un toccasana per il cervello.

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni artificiali e biologici comunicano a distanza

Neuroni biologici e neuroni artificiali connessi a distanza di chilometri: lo studio visionario che pone le basi per la Neuro-elettronica via internet.

Permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

Genitori fragili e incostanti, adolescenti con le licenze da adulti e insegnanti demotivati: i tre pilastri pericolanti della società del permissivismo.

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Einstein, genio senza confini - P.Baccalario (recensione)

Einstein, genio senza confini - Baccalario - Recensione
Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo.

Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico di Einsten.