Genitori e tecnologia: quando dire basta

Genitori distratti dalla tecnologia: anche solo controllare un messaggio in chat disturba il rapporto con i figli che diventano nervosi e insofferenti.

 

Totalizzanti e sempre più invadenti, smartphone, tablet e pc sono diventati parte della quotidianità relegando spesso le interazioni sociali a brevi frasi buttate lì tra una chat e l'altra.

In strada, a tavola e persino in bagno, il tempo trascorso su uno schermo è in media superiore alle due ore al giorno. E i nostri figli ne soffrono più di quanto possiamo immaginare.

Se i genitori sono più connessi, i figli diventano più nervosi.

Uno studio incrociato condotto da diversi esperti dell'Università del Michigan e dell'Illinois State University, ha sottoposto 170 genitori a un sondaggio molto dettagliato riguardo il tempo trascorso su smartphone, tablet e pc in relazione al comportamento dei figli.

È stato necessario valutare molti fattori come lo stress, la depressione, i metodi educativi e il supporto del partner, ma in linea di massima è emerso un forte legame tra l'approccio alla tecnologia da parte dei genitori e i disturbi comportamentali dei figli.

 

Tra i genitori coinvolti nell'indagine, la metà ammette che la tecnologia interrompe i momenti di condivisione familiare almeno tre volte al giorno. Solo l'11% degli intervistati dichiara di non lasciare i figli per lo smartphone.

 

Il dott. Brandon T. McDaniel, primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Child Development, parla di "tecnoferenza" ovvero interferenza della tecnologia nel quotidiano. Non importa il tempo dedicato a smartphone e tablet: secondo gli esperti, anche solo controllare un messaggio in una chat disturba in maniera considerevole il momento che stiamo vivendo. Se, in particolare, siamo impegnati con i figli e la nostra attenzione si rivolge altrove anche solo per pochi secondi, diamo l'impressione di non essere coinvolti.

[Ti potrebbe interessare: l'amore della mamma stimola lo sviluppo del cervello]

I figli, crescendo, instaurano lo stesso rapporto con la tecnologia

I figli si comportano di conseguenza: broncio, capricci, lamenti e iperattività sono tra gli atteggiamenti più frequenti nei bambini che cercano di attirare l'attenzione.

[Ti potrebbe interessare: 10 consigli per avere figli felici]

Il risultato è quello di creare un muro invisibile di incomunicabilità che rende sempre più difficile interagire con i propri figli. E quando, raggiunta l'età dell'adolescenza, saranno loro a seguire il nostro esempio rispondendo a monosillabi con gli occhi incollati allo smartphone, non avremo argomenti di replica.

 

Gli esperti precisano che saranno necessarie nuove indagini prima di poter applicare questa relazione alla pratica clinica. I risultati della ricerca, però, aggiungono altri tasselli a un ambito di studio relativamente nuovo e inesplorato.

Ad esempio, i bambini che già presentano disturbi comportamentali (come l'iperattività) necessitano di un supporto maggiore da parte dei genitori: mostrare al contrario un atteggiamento distratto e poco coinvolgente fomenta in loro irrequietezza e instabilità emotiva.

 

Dedicarsi ai dispositivi elettronici e ai figli nello stesso momento e con la stessa efficacia è impossibile. D'altronde bandire la tecnologia dal nostro quotidiano sarebbe irreale e controproducente. Il segreto, come sempre, resta nell'equilibrio: dedicare il giusto tempo ai figli, al lavoro e al divertimento evitando che un aspetto prevarichi sull'altro contribuirà a rendere felici i più piccoli.

[Ti potrebbe interessare: il genitore perfetto]

(Caterina Stile)

Bibliografia

Brandon T. McDaniel, Jenny S. Radesky. Technoference: Parent Distraction With Technology and Associations With Child Behavior Problems. Child Development, 2017

 

 

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Dall'amore platonico al colpo di fulmine: secondo la teoria americana del triangolo dell'amore, tre sono gli elementi magici per relazioni felici e durature.

Uomini e donne: cervello e sincronia

Uomini e donne: cervello e sincronia

La cooperazione tra uomini e donne non è un'utopia. Lavorare insieme si può ma con strategie diverse: non c'è sincronia tra il cervello di lui e quello di lei.

Quanto pesa il cervello?

quanto pesa il cervello

Quanto pesa il cervello? Perché è l'organo più grasso? Quanto sangue attraversa il cervello? Numeri e curiosità sull'organo più complesso del corpo umano.

Tutto quello che non sai sul cioccolato

tutto quello che non sai sul cioccolato

Potenzia cuore e cervello, contrasta l’invecchiamento, fa dimagrire ma crea dipendenza: il cioccolato stimola gli stessi centri nervosi attivati dalle droghe.

Inside out: il film d'animazione sul cervello

Inside out: il film d'animazione del cervello

Inside out, il film d’animazione che spiega ai bimbi le emozioni, la struttura del cervello, la memoria e i sogni. Divertente e istruttivo anche per i grandi!

Cause dell'Alzheimer: come prevenirlo in 3 mosse

scopri se avrai l'alzheimer

Le cause dell’Alzheimer non sono ancora note ma i fattori di rischio sì. Ecco come prevenire e scoraggiare in tempo la demenza senile con le buone abitudini.

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Nuove speranze per l’Alzheimer: il trapianto di cellule staminali neurali da cervello giovane a cervello invecchiato potrebbe rallentare il declino cognitivo.

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco: rischio di obesità nei bambini

Dormire poco aumenta il rischio di obesità nei bambini piccoli: poche ore di sonno in meno e il consumo di calorie aumenta del 20% in un giorno solo.

Linguaggio del corpo - bocca e labbra

Linguaggio del corpo: bocca e labbra

Il linguaggio del corpo passa dalla bocca: toccare o mordere le labbra e mostrare la lingua trasmettono attrazione, interesse ma anche rabbia o disgusto.

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Raffaele Morelli, noto psicoterapeuta e psichiatra italiano, è l'autore del saggio "Solo la mente può bruciare i grassi" edito da Mondadori nel 2016.