Come gestire i soldi: gli adolescenti lo sanno

Come gestire i soldi? Chiedetelo agli adolescenti. Secondo una ricerca, gli adolescenti valutano il rapporto guadagni/perdite meglio dei ragazzi grandi.

Credito telefonico sempre esaurito, borsellino vuoto, paghetta spesa ancora prima di riceverla sono episodi che ricorrono di frequente nelle famiglie degli adolescenti. I genitori, barcamenandosi tra richieste assurde, divieti e prestiti a fondo perduto, si convincono sempre più che i loro eredi non cresceranno mai. E invece, per la prima volta, la scienza sembra ridare credito ai più giovani: secondo gli esperti, gli adolescenti sanno come gestire i soldi.

Gli adolescenti sono perfettamente in grado di gestire i soldi

I ricercatori della Duke University sono giunti a questa conclusione reclutando adolescenti (12-16 anni) e giovani (età media 22 anni) per uno studio sulla valutazione guadagni/perdite.

Tutti i ragazzi sono stati posti di fronte a scenari ipotetici che presentavano diverse combinazioni di guadagni e di perdite. Ogni volta, adolescenti e ragazzi più grandi hanno dovuto scegliere, tra i tre scenari presentati, quello che secondo loro presentava il miglior guadagno in relazione alla perdita.

Le diverse modalità con cui i ragazzi hanno affrontato il compito hanno permesso ai ricercatori di distinguere in base all’età due diversi meccanismi di analisi.

 

Il gruppo dei giovani ha adottato una scorciatoia di elaborazione: dopo aver analizzato e scelto i vari scenari diverse volte, i ragazzi hanno contato il numero di vittorie e perdite per ogni scenario e hanno fatto le successive scelte solo sulla base di questo criterio senza più valutare il rapporto guadagno/perdita.

Al contrario, per minimizzare il più possibile le perdite, gli adolescenti hanno effettuato un’approfondita analisi per ogni combinazione proposta.

Queste differenze analitiche sono state confermate anche attraverso il tracciamento degli sguardi dei ragazzi durante il compito: i ricercatori, guidati da Scott Huettel, docente di Psicologia e Neuroscienze, rivelano che i giovani hanno monitorato tutti i possibili risultati soltanto all’inizio dell’esperimento, mentre gli adolescenti hanno mantenuto un monitoraggio visivo costante per tutta la durata del test.

Gli adolescenti hanno meno esperienza quindi riflettono di più quando si tratta di gestire i soldi

Nonostante il maggior tempo impiegato per la scelta degli scenari, gli adolescenti sono riusciti a guadagnare credito agli occhi degli scienziati.

I ragazzi più grandi, infatti, sono contraddistinti da quel tipo di analisi che è tipica degli adulti. Sulla base di esperienze vissute, i giovani usano scorciatoie mentali cioè semplici regole come quella del “non guidare se bevi” già sperimentate in passato.

Gli adolescenti che invece si affacciano per la prima volta alla vita, che rigettano i consigli dei genitori e il cui bagaglio di esperienze è poco consistente, non hanno altro supporto che quello dell’analisi costante rischio/beneficio con tutto il carico di dubbi e insicurezze che ne deriva.

 

Con il tempo anche gli adolescenti acquisiranno la furbizia tipica degli adulti man mano che gli eventi della vita tenderanno a plasmarli come uomini e donne di domani. Nel frattempo i ricercatori consigliano di offrire loro i mezzi necessari per affinare quella tanto preziosa analisi di fondo.

[Sei un genitore? Leggi qui: permissivismo, bambini e adolescenti a rischio

educare al rispetto, consigli pratici

genitori autorevoli, vantaggi per i figli e i loro amici

Sei un ragazzo o una ragazza? Leggi qui: cosa pensi di me]

Il senso delle cose - Richard Feynman - recensione

Il senso delle cose - Richard Feynman - recensione

Il senso delle cose (edito da Adelphi) raccoglie tre esilaranti conferenze tenute da Richard Feyman all'Università di Washington nel 1963.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Molti virus, tra cui i coronavirus, trovano un serbatoio naturale nei pipistrelli ma è la mutazione genetica a conferire loro il potere di trasferirsi all'uomo.

Déjà-vu: quando il cervello confonde presente e passato

déjà vu: i misteri del cervello

L’impressione di aver già vissuto quell’attimo – il cosiddetto déjà-vu – è un fenomeno molto comune e, pare, dovuto a un “problema tecnico” del cervello.

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Triangolo dell'amore: i tre segni delle relazioni durature

Dall'amore platonico al colpo di fulmine: secondo la teoria americana del triangolo dell'amore, tre sono gli elementi magici per relazioni felici e durature.

Linguaggio del corpo - bocca e labbra

Linguaggio del corpo: bocca e labbra

Il linguaggio del corpo passa dalla bocca: toccare o mordere le labbra e mostrare la lingua trasmettono attrazione, interesse ma anche rabbia o disgusto.

I segnali dell'attrazione: collo, capelli, spalle

Il collo, i capelli e le spalle sono i "mezzi" coinvolti nei momenti di seduzione, le parti del corpo che lanciano inconsapevoli messaggi di attrazione.

Permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

Genitori fragili e incostanti, adolescenti con le licenze da adulti e insegnanti demotivati: i tre pilastri pericolanti della società del permissivismo.

Perché dormire fa bene al cervello

Perché dormire fa bene al cervello

Cosa fa il cervello quando siamo impegnati a dormire: recenti ricerche sottolineano l’importanza del sonno per contrastare le malattie neurodegenerative.

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Intuizione o analisi: su cosa puntare?

Come migliorare le capacità di problem solving: la scienza consiglia di puntare sull'intuizione più che sull'analisi e concedersi il giusto tempo di riposo.

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio è scritto nel DNA

Il divorzio si trasmette per via ereditaria: una nuova ricerca scopre nel DNA i geni che influenzano le relazioni di coppia e la tendenza a divorziare.

Più tecnologia meno cervello

Più tecnologia meno cervello

Tecnologia e cervello: essere sempre connessi compromette la working memory e interrompe i momenti di relax necessari per consolidare memoria e apprendimento.