Questo sito utilizza i cookie - anche di terze parti. Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Per saperne di più leggi l'informativa.

CONOSCI TUO FIGLIO

10 consigli per avere figli felici

10 consigli per avere figli felici

 

Il ruolo del genitore è probabilmente quello più difficile da portare avanti tra preoccupazioni, sensi di colpa e rimorsi che fanno propendere verso scelte che sembrano sempre quelle sbagliate. Il genitore perfetto non esiste ma, in un ambito in cui tutti sono pronti a dare consigli, anche la scienza scende in campo con i suoi dati sperimentali e traccia linee guida da seguire per avere figli felici.

 

Secondo gli esperti, come si può rendere felici i propri figli?

 

Sdrammatizzare

Tra compiti di scuola, delusioni d’amore e il giudizio dei coetanei, la vita dei nostri figli non è per niente facile. Il modo migliore per aiutarli è prendere la vita alla leggera: secondo una ricerca presentata al festival di Scienze Sociali, scherzare con i propri figli li aiuta a sviluppare il pensiero creativo oltre che a fare amicizia e a superare lo stress più facilmente.

 

[Quanto conta per gli adolescenti il giudizio dei coetanei? Scoprilo qui: Cosa pensi di me?]

 

Essere positivi

Sembra un’affermazione alquanto semplicistica, ma dietro c’è un vero e proprio allarme: genitori che sono spesso di pessimo umore, che riversano sui figli emozioni negative e si rapportano a loro in maniera brusca o peggio violenta, avranno maggiore probabilità di ritrovarsi con dei bambini aggressivi. Ma questo sembra il meno peggio: infatti, studi recenti hanno dimostrato che l’aggressività comportamentale a cinque anni mostra le sue manifestazioni durante tutto il corso della vita e si riscontra perfino nei rapporti di coppia. E’ importante quindi interrompere questi atteggiamenti quando si è in tempo.

 

Favorire l’autocompassione

Si tratta qui di un sentimento molto complesso che comprende varie sfaccettature: consapevolezza, cioè la capacità di gestire emozioni e sentimenti senza farsi travolgere o reprimerli, empatia per le sofferenze degli altri e tenerezza verso se stessi che consenta di riconoscere le proprie sofferenze e impegnarsi a trovare una soluzione.

Inutile aggiungere che l’esempio dei genitori è fondamentale.

 

Lasciarli andare

Molti genitori associano la maggiore età con il traguardo dell’indipendenza dei figli, niente di più sbagliato: papà e mamma dovrebbero valutare il grado di maturità dei figli sin da quando sono piccoli, adattandosi un po’ alla volta alle loro esigenze di autonomia senza prevaricare con eccessivi divieti e proibizioni. La ricerca dimostra infatti che i figli di genitori invadenti hanno maggiore probabilità di essere soggetti ansiosi e meno aperti a nuove esperienze. Bisogna ricordarsi che a volte è necessario fare un passo indietro e lasciarli camminare da soli.

 

Investire nel legame di coppia

Che sia matrimonio o convivenza, un buon legame di coppia porta con sé innumerevoli benefici – perfino i litigi hanno una loro valenza in quest’ottica – ed è importante per garantire serenità e stabilità nella crescita dei figli. Diversi studi hanno infatti evidenziato che un rapporto conflittuale tra i partner si traduce in disturbi del sonno nei bambini e sembra che in questi casi il fattore scatenante sia lo stress.

[Ti potrebbe interessare: il conflitto nella vita di coppia

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia]

 

 

Curare la propria salute mentale

Genitori a rischio di depressione hanno un’influenza molto negativa sullo sviluppo psicologico dei propri figli. Una ricerca in questo ambito ha dimostrato che le mamme depresse mostrano sforzi maggiori nell’accudire i figli e rispondono diversamente alle loro crisi di pianto. Inoltre i figli di queste madri sono molto più stressati in età prescolare.

 

Rafforzare il legame madre-figlio

Le cure della madre dopo la nascita hanno un forte potere sullo sviluppo del cervello nei bambini e il latte materno ha effetti importanti sulla crescita fisica, mentale e sociale.

[Ti potrebbe interessare: l’amore della mamma stimola lo sviluppo del cervello]

 

Il ruolo della madre, però, non si esaurisce con i primi anni di vita anzi è proprio quando i figli crescono e inseguono l’autonomia che la sua ombra può avere effetti benefici o devastanti. Instaurare un buon rapporto con i propri figli è un indiscutibile punto di forza nella loro crescita, ma la ricerca dimostra che la madre ha un ruolo predominante soprattutto con i maschi nel prevenire problemi comportamentali. Inoltre, un buon supporto della madre limita nei giovani la tendenza ad assumere atteggiamenti rischiosi e favorisce la predisposizione a legami di coppia più stabili.

[Ti potrebbe interessare: mani sul volante e piede sul freno se accanto c’è la mamma]

 

Permettere loro di ribellarsi

I figli, soprattutto in età adolescenziale, sanno essere esasperanti quando si rivolgono ai genitori, ma questa tensione è evidente anche nell’ambiente extra-familiare.

Tutto ciò è normale, assicurano gli esperti, e un buon legame con la madre interviene anche in questo caso perché garantisce che i figli siano più consapevoli della propria identità e non cedano facilmente alle pressioni dei coetanei.

 

Non mirare alla perfezione

Secondo un importante studio di psicologia, i genitori sono quasi ossessionati dall’idea che la società si aspetti da loro la perfezione. Ciò si traduce in ansia e stress che non fanno certo bene al rapporto genitori-figli. Quindi è necessario rilassarsi e ricordare che l’obiettivo principale dell’essere madre o padre è il benessere dei figli.

 

Conoscere i propri figli

Sembra banale ma non lo è. Spesso i genitori pensano di conoscere il modo migliore per crescere un figlio, ma nella maggior parte dei casi i metodi educativi non si adattano a tutti i bambini. Questo perché i figli sono diversi tra loro, spesso ci stupiscono con la loro razionalità e quindi necessitano di cure e attenzioni “personalizzate”

Secondo uno studio sulla psicologia infantile, i figli di genitori molto rigidi presentano un grado di ansietà doppio rispetto ai coetanei che crescono con genitori più permissivi.

Alcuni bambini necessitano di maggior spazio e individualità per esprimersi, altri invece, quelli meno propensi a regolare le proprie emozioni, hanno bisogno di un piccolo aiuto da parte dei genitori.

 

Come sempre in medio stat virtus.

[Ti potrebbe interessare: il genitore perfetto]

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

ULTIMI ARTICOLI

Come stabilire se esiste alchimia tra due persone? La chimica ci viene in soccorso per spiegare quali reazioni guidano i nostri comportamenti in amore.

Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo. Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico ...

Grafia lineare e regolare, proporzionale ai margini del foglio, senza eccessi o spigolosità: ecco come scrive il partner affidabile, sicuro di sé e fedele.

Dall'amore platonico al colpo di fulmine: secondo la teoria americana del triangolo dell'amore, tre sono gli elementi magici per relazioni felici e durature.

Quanti neuroni abbiamo? Quanti calcoli possiamo fare? Scopriamo i numeri delle sinapsi cerebrali che rendono il cervello più potente di qualsiasi computer.

Newsletter