meglio stampato o corsivo?

Corsivo, stampato o entrambi? Imparare a scrivere significa acquisire nuove abilità grafico-motorie, ma c’è davvero utilità nell’insegnare entrambi gli stili?

Nell’era della tecnologia anche le scuole si adattano ai cambiamenti e si fa sempre più strada l’idea che un computer potrà presto sostituire totalmente libri e quaderni. Imparare l’uso della scrittura a mano resta, però, un importante compito che secondo gli esperti dovrebbe assolutamente precedere l’uso di una tastiera. E mentre ci si ingegna a sviluppare linee didattiche che fanno uso di tablet e lavagne interattive, si trascurano spesso i concetti di base. È il caso dell’apprendimento della scrittura che segue il classico schema stampato/corsivo che, a quanto pare, non è il migliore.

Imparare a scrivere in stampato e corsivo è svantaggioso

A rivelarlo è uno studio condotto su 718 studenti e insegnanti di una scuola secondaria del Quebec che ha diviso i partecipanti in tre gruppi: i bambini del primo gruppo hanno imparato a scrivere solo in stampato, quelli del secondo solo in corsivo, quelli del terzo in stampato e corsivo. I risultati peggiori misurati a livello ortografico e sintattico sono stati conseguiti proprio dagli studenti che hanno imparato a scrivere contemporaneamente in stampato e corsivo. Perché?

Durante il primo anno di scuola i bambini sperimentano una crescita nella grafia che permette loro di esprimere molte parole e successivamente concetti attraverso un consolidamento costante delle abilità grafico-motorie.

Interrompere questo importante processo per insegnare un nuovo stile di scrittura non fa altro che impegnare i bambini in nuovi movimenti grafico-motori e rallenta l’apprendimento delle parole. Secondo Isabelle Montesinos-Gelet, docente all’Università di Montreal, insegnare insieme corsivo e stampato non aiuta i bambini a memorizzare prima le parole anzi, la loro attenzione si concentra sulle “nuove” lettere penalizzando la memorizzazione. Al termine dello studio infatti non si è riscontrato nessun miglioramento a livello ortografico e sintattico per i bambini del terzo gruppo.

[Ti consiglio anche: come migliorare l’apprendimento nei bambini]

Imparare a scrivere in corsivo ha più vantaggi

Secondo i risultati della ricerca, notevoli miglioramenti nella sintassi sono stati registrati dai bambini che hanno appreso solo il corsivo. Al contrario, i bambini impegnati nell’uso dello stampato hanno mostrato un livello di competenze sintattiche pressoché invariato.

 

Gli studiosi spiegano queste differenze in base ad alcune competenze che si acquisiscono insieme al corsivo.

  • Innanzitutto le lettere in corsivo hanno una certa direzionalità, vale a dire devono essere scritte in un certo modo per poterle legare tra loro. Le lettere stampate vengono invece percepite dai bambini come immagini e per questo spesso scritte al contrario (ad esempio la lettera F viene disegnata con i due bastoncini orizzontali a sinistra).
  • Il corsivo permette di avere una maggiore consapevolezza della parola nella sua completezza e di concepire meglio gli spazi tra le parole. Ciò comporta miglioramenti a livello ortografico e sintattico, mentre con lo stampato molto spesso ci capita di vedere scritte delle frasi in cui la spaziatura tra le parole non è corretta.
  • La scorrevolezza del corsivo rende più veloce la scrittura e aiuta quindi i nostri piccoli autori a esprimere tutto ciò che pensano in maniera più fluida, mentre una scrittura più lenta non permette loro di ricordare tutto ciò che vogliono dire.

È importante quindi rivalutare i metodi didattici in funzione delle nuove indagini. Imparare a scrivere significa rendere i movimenti grafico-motori il più possibile automatici in modo tale che il lavoro mentale non sia concentrato solo sulla scrittura e lasci quindi spazio al pensiero.

[Leggi anche: potenziare la memoria nei bambini]

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: un atto di amore che nasconde lo zampino dell'evoluzione. Ecco come la scienza spiega gli obiettivi inconsci dell'affinità verso il partner.

Il processamento del suono

Il Processamento del suono

 Un’analisi a tutto tondo per comprendere il processamento del suono da parte del cervello: evoluzione, fattori connessi, utilità nella pratica clinica.

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Nuove sfide in neuroscienze: la ricerca rivela che il cervello degli anziani può competere perfino con quello dei giovani nel campo delle sfide intellettive.

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Il segreto degli ultracentenari: mangiare poco e sorridere alla vita

Ultracentenari in buona salute: la scienza spiega perché mangiare poco e essere ottimisti aiuta a spegnere cento candeline senza grandi rimorsi.

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

Madre-figlio: perché il rapporto è così speciale

Madre-figlio: perché il rapporto è così speciale

Per il bambino sua madre è il mondo intero: scopriamo perché il rapporto madre-figlio è importante e quali sono le responsabilità della figura di attaccamento.

Il contatto fisico

il contatto fisico

Il contatto fisico rivela il carattere: chi lo evita è rigido e autoritario, chi lo cerca è indipendente, cordiale e sicuro di sé.

Einstein, genio senza confini - P.Baccalario (recensione)

Einstein, genio senza confini - Baccalario - Recensione
Quand'era bambino, pensavano fosse un po' scemo.

Esordisce così Pierdomenico Baccalario nel suo libro "Einstein, genio senza confini" guidandoci con delicatezza e ironia nel mondo privato e pubblico di Einsten.