Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

La Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) identifica gravi danni neurologici e perfino morte causati da scuotimento energico dei neonati.

Indice

Sindrome del bambino scosso: le cause

Quando preoccuparsi: i sintomi

Fattori di rischio

Per i genitori, i primi mesi di vita del proprio bambino sono i più di difficili da affrontare: cambiano i ritmi quotidiani, nascono esigenze nuove a cui far fronte e spesso la stanchezza e la paura di sbagliare possono portare all'esasperazione. Chi ne fa le spese a volte è proprio il neonato che, con il suo pianto incontrollabile, mette a dura prova la pazienza di mamma e papà.

È importante rispondere nel modo giusto ai bisogni del neonato: in caso contrario, un semplice gesto dettato da impulso o mancanza di autocontrollo può mettere a rischio la vita del bambino.

Non è necessario pensare a gesti estremi: il semplice scuotimento del neonato, se eseguito in maniera troppo energica, può arrecare danni irreparabili al cervello.

Si chiama Shaken Baby Syndrome o sindrome del bambino scosso, è stata segnalata per la prima volta nel 1946 ma riconosciuta ufficialmente solo venti anni dopo. Non è semplice da diagnosticare poiché i gravi danni sono racchiusi nella piccola e fragile scatola cranica del neonato e le implicazioni giuridiche di una simile diagnosi sono tutt'altro che innocue.

Sindrome del bambino scosso: le cause

La maggior parte dei casi di Sindrome del bambino scosso si verificano nel periodo di vita compreso tra due settimane e sei mesi.

In questa fase il capo del neonato ha un volume e un peso maggiore rispetto al resto del corpo in contrasto con un'ipotonia (riduzione del tono muscolare) dei muscoli del collo che sono responsabili del "ciondolamento" della testa. Inoltre il cervello è immaturo e fragile e ricco di contenuto acquoso.

A causa di queste caratteristiche fisiologiche, lo scuotimento energico di un neonato provoca una serie di oscillazioni del capo che sono responsabili di un trauma dell'encefalo che urta contro la scatola cranica. I capillari e i vasi sanguigni si rompono causando emorragie cerebrali (subdurali e subaracnoidee) e retiniche.

A livello del collo passano inoltre importanti fibre nervose che possono essere lesionate durante i movimenti acceleratori e deceleratori di uno scuotimento violento anche di pochi secondi.

Scuotere in maniera violenta un neonato comporta sempre danni neurologici gravi e irreparabili: secondo i dati della Società Italiana di Neonatologia, nel 70% dei casi si manifestano disabilità motorie e fisiche, cecità (per emorragia retinica), problemi uditivi, epilessia, ritardo mentale, disturbi del linguaggio, dell'attenzione, della memoria e quindi dell'apprendimento. Nel 30% dei casi il neonato non sopravvive.

Quando preoccuparsi? I sintomi della sindrome da bambino scosso

Il bambino non va scosso, mai.

Dalle confessioni reticenti di genitori che hanno agitato energicamente i propri figli nei primi mesi di vita è emerso che basta scuotere un neonato 3-4 volte al secondo da 4 a 20 secondi perché si verifichino conseguenze gravi.

Nei casi in cui dovesse verificarsi un evento di questo genere, è indispensabile monitorare le condizioni del neonato. Già dopo pochi secondi è infatti possibile che si manifestino segnali allarmanti: vomito, inappetenza, difficoltà di suzione/deglutizione, irritabilità eccessiva, sonnolenza, rigidità nella postura, febbre, difficoltà respiratorie, convulsioni, arresto cardio-respiratorio e coma sono tra i sintomi strettamente correlati alla sindrome del bambino scosso.

Sindrome del bambino scosso: i fattori di rischio

I momenti di stanchezza e cedimento fanno parte della routine di ogni genitore soprattutto nelle prime settimane di vita del bambino. Nessuno di questi fattori può però giustificare un comportamento che provochi danni irreparabili al bambino.

La maggior parte dei casi di sindrome da bambino scosso delineano un quadro familiare carente: genitori giovani, basso livello di istruzione, disoccupazione, violenza domestica, abuso di alcool o sostanze stupefacenti.

Non bisogna però sottovalutare che lo scuotimento dei bambini può verificarsi anche fuori da situazioni violente: il gioco diffuso di "lanciare in aria" il bambino può allo stesso modo provocare gravi danni neurologici.

Il pianto è l'unico modo che ha il bambino per richiamare l'attenzione su un bisogno o una necessità: non è un capriccio, né la volontà di mettere alla prova le capacità intuitive di un genitore. È importante rispondere nella maniera appropriata, cercando di riconoscere la causa del malassere e tranquillizzarlo. A volte basta spogliare il bambino e appoggiarlo a sé: farlo sentire protetto e al sicuro, spesso, è la cura migliore perché cresca sano e felice.

Per maggiori informazioni, in questo video i consigli del Presidente della Società Italiana di Neonatologia, Fabio Mosca.

La campagna "Non scuoterlo" è promossa da Terre des hommes con il patrocinio SIN, Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza, Pubblicità Progresso.

(Caterina Stile)

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

Quando c'è di mezzo l'attrazione fisica ogni gesto, anche il più innocuo e apparente, può diventare strumento di seduzione. Ecco gli atteggiamenti più comuni.

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Starnuti e naso chiuso al mattino, sintomi spesso dovuti all'allergia agli acari della polvere. Vediamo di cosa si tratta e soprattutto come rimediare.

Curiosità sul bacio - vero o falso

vero o falso: cosa sai sui baci?

Curiosità e luoghi comuni sul bacio. È più importante per lui o per lei? Quanto conta in una relazione? Perché le donne baciano alcuni uomini più di altri?

Come migliorare l'apprendimento nei bambini

come migliorare l'apprendimento nei bambini

La scienza spiega i meccanismi di apprendimento nei bambini e fornisce suggerimenti per migliorarlo: sonno e tempo aumentano le performance del cervello.

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Due segreti (efficaci) per migliorare il rapporto di coppia

Manifestare al partner la propria gratitudine e ridere insieme: piccoli trucchi per risvegliare un rapporto di coppia quando attraversa un momento difficile.

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

I segnali dell'attrazione: il contatto fisico

I segnali dell'attrazione passano attraverso il contatto fisico, spesso però sono talmente prudenti da lasciare dubbi. Ecco come conoscerli e interpretarli.

Potenziare la memoria nei bambini

Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

Intervista a Emilia Angelillo, RSCiTech e STEM ambassador

Intervista a Emilia Angelillo, RSCiTech e STEM ambassador

La passione per la divulgazione scientifica viaggia da Napoli a Cambridge: intervista a Emilia Angelillo, la donna che fa appassionare i bambini alle scienze

Litigare (nel modo giusto) fa bene alla coppia

litigare nel modo giusto

Evitare di litigare con il partner è un atteggiamento tipico dell’età adulta ma nelle coppie giovani può essere il sintomo di qualcosa che non funziona.

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Caffè e sigaretta: per chi fuma, una tazzina in più

Un caffè a volte non basta: l'induzione enzimatica spiega perché gli affezionati della sigaretta hanno bisogno di più caffeina per sentirsi carichi.