Come la religione influenza le scelte

Il pensiero di Dio attiva nel cervello i circuiti di ricompensa: la scienza spiega perché l'esperienza spirituale influenza la nostre scelte quotidiane.

Quasi tutti hanno sperimentato, almeno una volta nella vita, un senso di pace profonda durante un ritiro spirituale o una celebrazione religiosa. La sensazione di benessere nel corpo e nell'anima si protrae nel tempo e ci influenza nelle scelte e nelle decisioni da prendere. Ma cosa accade realmente dentro di noi? Come reagisce il cervello a Dio?

 

Hanno provato a rispondere a queste domande i ricercatori della University of Utah che hanno sottoposto 19 giovani membri del Mormonismo alla risonanza magnetica funzionale (fMRI) durante un'ora di attività spirituali.

I vari momenti dell'esperimento sono stati articolati tra letture tratte dal libro di Mormon, citazioni, e riproduzione di video di scene familiari, bibliche e religiose.

 

Quasi tutti i partecipanti allo studio, alcuni dei quali in lacrime alla fine, hanno riportato sensazioni di pace e benessere profondo e di calore fisico. Ma è un'impressione personale o il corpo reagisce davvero di fronte a questi eventi?

 

Secondo i dati rilevati attraverso le scansioni cerebrali, i ricercatori americani sono in grado di affermare che il cervello e il corpo rispondono a stimolazioni esterne che ci inducono a pensare alla figura di Dio e alle ricompense del cielo.

Cosa accade nel cervello

I risultati hanno infatti mostrato durante l'esperimento un aumento di attività in alcune regioni cerebrali. La più interessata è quella dello striato ventrale che è coinvolta nei circuiti cerebrali di ricompensa. Si tratta di un'area del cervello che si attiva ogni qualvolta le nostre azioni sono dirette verso una ricompensa, sia essa materiale o morale. È particolarmente attiva nel cervello degli adolescenti che per questo motivo sono più propensi ad atteggiamenti rischiosi e più sensibili alle opinioni altrui.

Durante lo studio, i picchi di attività registrati nel nucleus accumbens sono stati registrati in concomitanza all'accelerazione del battito cardiaco e a una respirazione più profonda. 

[A questo proposito ti consiglio: piede sul freno se accanto c'è la mamma

Cosa pensi di me?]

L'esperienza spirituale ha attivato anche la corteccia prefrontale, responsabile dei processi cognitivi superiori come elaborazione del giudizio e del ragionamento morale, e altre aree coinvolte nell'attenzione.

La religione e le scelte quotidiane

Le evidenze spiegano che effettivamente c'è un coinvolgimento del cervello nell'esperienza spirituale, ma come ciò si riflette nella vita quotidiana?

La corteccia prefrontale è l'area del cervello che interviene nei processi di decision-making: ciò spiega in parte l'influenza della religione nelle scelte quotidiane di chi vive la divinità in maniera profonda, come parte della propria esistenza.

Lo studio ha preso in esame i Mormoni proprio perché essi vivono la religione come un sentimento di vicinanza e comunicazione diretta con Dio che influenza in maniera rilevante la vita quotidiana.

Si tratta, però, di una relazione comune a tutte le religioni e che forse ci guida più di quanto siamo capaci di comprendere. Per questo motivo, secondo i ricercatori, lo studio va ampliato alle altre religioni, soprattutto quelle orientali basate su pratiche meditative che, come dimostrano diverse ricerche, agiscono sull'attività cerebrale.

 

Il corpo risponde a Dio, o almeno alla percezione che si ha di esso: questo è quanto la scienza verifica di volta in volta. Credere in Dio è una questione personale, ma essere convinti che ci sia una ricompensa per i comportamenti giusti, aiuta a vivere in un'ottica più positiva che inevitabilmente si riflette nelle scelte quotidiane e nelle nostre relazioni sociali.  

[Ti consiglio anche: scienza e fede, il conflitto è nel nostro cervello]

 

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

A cinquant’anni niente dieta: le maniglie dell’amore aumentano la longevità, l’importante è preoccuparsi di mantenere sempre costante il peso corporeo.

La voce maschile: cosa dice di un uomo e perché attrae le donne

il potere della voce

La voce maschile rivela la condotta di un uomo: se modulata su toni bassi, indica che lui è più attraente ma poco affidabile. L’evoluzione ci spiega perché.

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Molti virus, tra cui i coronavirus, trovano un serbatoio naturale nei pipistrelli ma è la mutazione genetica a conferire loro il potere di trasferirsi all'uomo.

Mostrare il piede - Seduzione

mostrare il piede seduzione

Mettere in risalto il piede è un gesto tipicamente femminile che attiva i meccanismi della seduzione

Quanto pesa il cervello?

quanto pesa il cervello

Quanto pesa il cervello? Perché è l'organo più grasso? Quanto sangue attraversa il cervello? Numeri e curiosità sull'organo più complesso del corpo umano.

Stress: di padre in figlio

Stress: di padre in figlio

Lo stress si trasmette di padre in figlio: il DNA di topi maschi stressati influenza l’espressione genica nei cuccioli che risultano più ansiosi e depressi.

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

Sindrome da bambino scosso: gravi danni ai neonati

La Sindrome del bambino scosso (Shaken Baby Syndrome) identifica gravi danni neurologici e perfino morte causati da scuotimento energico dei neonati.

Le illusioni ottiche

Le illusioni ottiche

Cosa sono le illusioni ottiche? Perché il cervello cade vittima di inganni visivi?

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

Se fa male non è amore - Montse Barderi - recensione

"Se fa male, non è amore" di Montse Barderi è un saggio pubblicato da Feltrinelli nel 2018, tradotto in Italia da Claudia Marseguerra.

Emozioni contagiose: il legame biologico tra esseri umani

emozioni contagiose: il legame biologico tra esseri umani

Esiste la prova che le emozioni degli altri influenzano il nostro cervello: i neuroni specchio spiegano che l'empatia è la chiave per relazioni sociali felici.

Perché dormire fa bene al cervello

Perché dormire fa bene al cervello

Cosa fa il cervello quando siamo impegnati a dormire: recenti ricerche sottolineano l’importanza del sonno per contrastare le malattie neurodegenerative.

Istinto: quanto ci influenza

Istinto: quanto ci influenza

Voglia di schiaffeggiare qualcuno e farfalle nello stomaco se siamo innamorati: cosa succede al nostro cervello quando l'istinto prende il sopravvento?