testa o cuore. tu da che parte stai?

Testa e cuore ci influenzano più di quanto immaginiamo: la distinzione tra brain-person e heart-person ha ripercussioni su carattere e scelte quotidiane.

Indice

Self-construal: come capire se in noi prevale la testa o il cuore

Testa o cuore: chi guida le scelte?

Pubblicità e mercato strumentalizzano il potere del cuore e quello del cervello

Nella vita di tutti i giorni di fronte a scelte banali o grandi decisioni, testa e cuore sono quasi sempre agli antipodi. Scegliere se farsi guidare dalla testa o dal cuore non è affatto semplice e spesso ci si trova in balia di dubbi che oscillano tra il senso del dovere e le proprie esigenze emotive. Ma esiste in noi una tendenza che fa pendere il nostro modo di vivere verso la razionalità o la spontaneità?

La distinzione tra brain-person (persone maggiormente influenzate dalla testa) e heart-person (persone influenzate dal cuore) non è puramente soggettiva: alcuni ricercatori della Rice University e della Columbia University, esperti negli ambiti di gestione e commercio, sono riusciti a individuare differenze sostanziali nel carattere e nel comportamento delle persone in base alla sede in cui localizzano il proprio sé.

Self-construal: come capire se in noi prevale la testa o il cuore

Ogni individuo è caratterizzato da un self-construal ovvero la percezione che ognuno ha riguardo i propri pensieri, sentimenti e azioni in rapporto agli altri: c’è chi considera se stesso un tipo socievole, chi si sente onesto o disonesto, chi crede di avere un’intelligenza superiore alla norma e chi invece pensa di non essere mai all’altezza degli altri.

In base alla percezione che ognuno ha di sé, gli studiosi individuano soggetti che hanno un self-construal indipendente (o individualista) e altri con self-construal interdipendente (o collettivista).

 

Qual è la differenza?

Le persone caratterizzate da self-construal indipendente mostrano maggiore autonomia, autostima e decisione e tendono ad avere pensieri, conversazioni e atteggiamenti concettualmente legati al cervello (brain-person).

Le persone con self-construal interdipendente sono contraddistinte da adattamento all’ambiente fisico e sociale, dipendenza e migliori capacità relazionali. Nei discorsi e nei comportamenti riescono sempre a inserire qualcosa che abbia a che fare con il cuore (heart-person)

Testa o cuore: chi guida le scelte?

L’analisi guidata dagli esperti americani è stata condotta per valutare se la localizzazione del sé può in qualche modo influenzare i processi psicologici e la capacità di prendere decisioni.

 

Una persona che considera di avere un self-construal indipendente prende decisioni diverse rispetto a chi si ritiene dotato di self-construal interdipendente?

 

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno eseguito ben otto diverse indagini su individui tra i venti e i quarant’anni, americani e indiani, uomini e donne e hanno messo in evidenza importanti aspetti riassumibili in due punti:

 

  • la maggior parte delle persone tende a localizzare il proprio sé nel cervello, ma la scelta è preponderante negli uomini rispetto alle donne e negli Americani rispetto agli Indiani (questi ultimi vivono in gruppi caratterizzati da self-construal interdipendente preponderante).
  • la scelta della sede del sé influenza i giudizi riguardo a questioni sociali come la definizione legale di morte e la legislazione in tema di aborto (esempi di dibattiti utilizzati per lo studio).

Pubblicità e mercato strumentalizzano il potere del cuore e quello del cervello

Nell’ultimo degli otto test eseguiti, i ricercatori hanno chiesto a ogni individuo di scrivere due lettere per fare una donazione (di importo a scelta) a un’associazione per il morbo di Alzheimer e a un’associazione che si occupa di disturbi cardiaci. Dai risultati è emerso che coloro che localizzavano il proprio sé nel cervello donavano in favore dell’associazione per l’Alzheimer più del doppio della cifra che erano disposti a rilasciare per la ricerca sui disturbi cardiaci. L’esatto contrario si è verificato per coloro che pongono il proprio sé nel cuore.

 

È dimostrato, quindi, che la percezione che si ha di se stessi influenza in maniera piuttosto evidente i processi psicologici e di decision-making.

Dal punto di vista politico, economico e imprenditoriale ciò può essere particolarmente importante perché, secondo gli esperti, perfino la pubblicità di prodotti commerciali può avere un impatto diverso sulle persone. Ad esempio, uno slogan che richiama il cervello (“È il tuo cervello a chiederlo!”) farà molta più presa sulle persone che localizzano il sé appunto nel cervello, mentre lo stesso slogan, se riferito al cuore, farà leva su altri destinatari.

Questione di punti di vista.

(Caterina Stile)

Biblio/sitografia

Rice University. "Do you see 'the self' in your brain or your heart? Decision-making differs." ScienceDaily. ScienceDaily, 20 May 2015. <www.sciencedaily.com/releases/2015/05/150520114307.htm>.

 

 

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Allergia agli acari della polvere: consigli pratici

Starnuti e naso chiuso al mattino, sintomi spesso dovuti all'allergia agli acari della polvere. Vediamo di cosa si tratta e soprattutto come rimediare.

10 consigli per mantenere il cervello in forma

10 consigli per mantenere il cervello in forma

Attività fisica, dieta sana, meno stress e tanti libri: 10 consigli facili da seguire (e qualche sorpresa) per mantenere il cervello sempre in forma.

Déjà-vu: quando il cervello confonde presente e passato

déjà vu: i misteri del cervello

L’impressione di aver già vissuto quell’attimo – il cosiddetto déjà-vu – è un fenomeno molto comune e, pare, dovuto a un “problema tecnico” del cervello.

Come ricordare i sogni

Come ricordare i sogni

Alcune persone riescono a ricordare i sogni con maggiore facilità: il merito sarebbe delle onde alfa che rendono il cervello di alcuni sempre all’erta.

Potenziare la memoria nei bambini

Potenziare la memoria nei bambini

L'apprendimento dei bambini può essere allenato attraverso l'uso di esercizi intensivi che migliorano non solo la memoria ma tutte le abilità del cervello.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

vaccini e bufale: perché alcune persone sono contrarie ai vaccini

I no-vax sono convinti che i vaccini siano dannosi e causino malattie gravi. La scienza smonta le bufale: ecco perché è indispensabile vaccinarsi.

Il processamento del suono

Il Processamento del suono

 Un’analisi a tutto tondo per comprendere il processamento del suono da parte del cervello: evoluzione, fattori connessi, utilità nella pratica clinica.

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Epigenetica: la parte del DNA che ci rende unici

Il DNA è l'eredità dei nostri genitori. Quanto ci influenza? È possibile cambiarlo in base alle esperienze che viviamo? L'epigenetica suggerisce di sì.

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

Intervista al professor Federico Batini: l’importanza della lettura ad alta voce

La lettura ad alta voce come strumento didattico democratico per colmare le lacune della scuola: l’ambizioso progetto del professor Batini

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

Quando c'è di mezzo l'attrazione fisica ogni gesto, anche il più innocuo e apparente, può diventare strumento di seduzione. Ecco gli atteggiamenti più comuni.

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

Allattamento al seno: il latte materno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati rendendo i neuroni più veloci ed efficienti.