Preoccuparsi fa bene alla salute

Una buona dose di preoccupazione ci rende attenti alla salute, mitiga le emozioni negative e migliora il successo in ambito lavorativo e scolastico.

 Nella vita frenetica che conduciamo oggi, internet si impone come tassello fondamentale per la soluzione di qualsiasi problema. Dal menù della giornata agli orari di apertura degli uffici, dalle indicazioni stradali ai consigli per lo shopping, dai consulti medici agli investimenti finanziari, basta digitare la propria domanda e l'esperto si mette in azione. Ma è davvero un bene avere tutto e subito senza più preoccuparsi di nulla?

 

Una buona dose di preoccupazione quotidiana ci aiuta a vivere meglio, parola di esperti.

Nel suo articolo "The upside of worry", Kate Sweeny, docente di Psicologia alla California University, spiega che preoccuparsi senza eccessi può avere importanti effetti positivi.

Preoccuparsi per la salute

Quando la preoccupazione riguarda l'ambito della salute spesso prende un altro nome: ansia. Considerando però i casi in cui non si cede all'ipocondria, preoccuparsi riguardo le proprie condizioni di salute aiuta ad assumere atteggiamenti preventivi. L'uso della cintura di sicurezza in auto, controlli clinici di prevenzione per alcune patologie, dieta sana e attività fisica regolare sono solo alcuni dei comportamenti che nascono da una sana preoccupazione per la salute personale.

 

Proprio in ambito sanitario, la prof.ssa Sweeny ha dimostrato che tra le donne, a sottoporsi a screening per il cancro sono soprattutto quelle che hanno una moderata preoccupazione per la patologia. Al contrario, le donne troppo o poco preoccupate si astengono dai controlli.

 

"La giusta dose di preoccupazione può motivare senza paralizzare" conferma la prof.ssa Sweeny.

Perché preoccuparsi fa bene

La preoccupazione mostra quindi un notevole effetto motivazionale le cui cause possono essere riassunte in tre punti:

 

  1. Preoccuparsi aiuta a comprendere che ciò che stiamo sperimentando richiede attenzione
  2. Preoccuparsi pone il problema in risalto nella nostra mente spingendoci all'azione
  3. Preoccuparsi spinge a cercare una soluzione al problema

 

Alcuni interventi del nostro cervello sembrano a volte incomprensibili e futili, ma non bisogna dimenticare che quest'organo prezioso non spreca energie in battaglie inutili. Preoccuparsi in circostanze che sembrano non richiedere attenzione, ci aiuta inconsapevolmente a preparare un piano B per qualsiasi evenienza.

 

Del resto la parola "preoccupazione" deriva dal latino prae-occupare e significa letteralmente "occupare prima, prevenire".

Perché aspettarsi il peggio?

Cedere alla preoccupazione può quindi essere un atteggiamento fortemente propositivo che spinge ad attivarci per evitare il peggio. Ma perché aspettarsi sempre qualcosa di negativo dietro l'angolo?

La preoccupazione, oltre ad essere un forte motivatore come abbiamo visto, ha anche lo scopo di mitigare le emozioni che sperimentiamo.

 

Ad esempio presentarsi a una prova con estremo ottimismo, convinti che si riuscirà a superarla senza problemi, ci espone al rischio di affrontarla con troppa superficialità e risultare incapaci di sostenere qualunque difficoltà dovesse presentarsi.

Al contrario, "aspettarsi il peggio" ci aiuterà a concentrare sulla prova tutta la nostra attenzione valutando le variabili e le soluzioni possibili.

 

Aspettarsi il peggio ci abitua infine a mitigare il dispiacere che si può ricevere da un evento ma anche ad accentuare l'euforia in caso di buone notizie.

Preoccuparsi sì, ma non troppo

Chi tende ad avere una buona dose di preoccupazione nelle varie esperienze della vita, ha quindi cura di sé, evita eventi negativi, pianifica soluzioni anche in vista di eventi potenzialmente negativi. In virtù di queste caratteristiche, chi si preoccupa di più ha anche più successo in ambito scolastico o lavorativo: è infatti più propositivo in caso di eventi stressanti, cerca più di una soluzione e riesce meglio nel problem solving.

 

La giusta dose di preoccupazione di cui parla la dott.ssa Sweeny è chiaramente lontana da qualunque forma di ansia patologica. Si tratta di preoccuparsi in maniera sana in modo da attivare dentro di noi una bassa soglia di allarmismo che ci permetta di avere l'attenzione pronta senza però soccombere ai "se".

 

 

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

50 anni e in sovrappeso: il segreto per vivere di più

A cinquant’anni niente dieta: le maniglie dell’amore aumentano la longevità, l’importante è preoccuparsi di mantenere sempre costante il peso corporeo.

Genitori autorevoli: vantaggi per i figli e i loro amici

Il genitore perfetto

Genitori e educazione. Regole e pugno fermo ma anche affetto e attenzione: il metodo che riduce comportamenti rischiosi dei figli e anche dei loro amici.

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore nei nostri geni: mutazioni di oncogeni e oncosoppressori

Il tumore è una malattia che nasce dalle nostre cellule: mutazioni genetiche nel DNA rendono i nostri geni (oncogeni e oncosoppressori) alleati del cancro.

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Gli studi sui neuroni specchio forniscono un fondamento scientifico all'empatia e nuove strade di approfondimento per l'autismo e la teoria del linguaggio.

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

I segnali dell'attrazione: atteggiamenti

Quando c'è di mezzo l'attrazione fisica ogni gesto, anche il più innocuo e apparente, può diventare strumento di seduzione. Ecco gli atteggiamenti più comuni.

Elogio della lentezza - Lamberto Maffei

Elogio della lentezza, Lamberto Maffei

Nel libro "Elogio della lentezza" Lamberto Maffei evidenzia l'importanza di prendersi del tempo per valorizzare la propria vita e preservare il cervello.

Permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

permissivismo: bambini e adolescenti a rischio

Genitori fragili e incostanti, adolescenti con le licenze da adulti e insegnanti demotivati: i tre pilastri pericolanti della società del permissivismo.

Déjà-vu: quando il cervello confonde presente e passato

déjà vu: i misteri del cervello

L’impressione di aver già vissuto quell’attimo – il cosiddetto déjà-vu – è un fenomeno molto comune e, pare, dovuto a un “problema tecnico” del cervello.

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi una parte del corpo: significato

Grattarsi è un gesto che, oltre ad alleviare un fastidio, è spesso un indicatore di emozioni soffocate soprattutto se coinvolge mento, fronte, collo e naso.

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

L'uomo di Neanderthal studiato attraverso gli organoidi cerebrali: una sola mutazione potrebbe essere alla base dello sviluppo del nostro cervello.

Come leggere le emozioni nello sguardo

Come leggere le emozioni nello sguardo

Lo sguardo esprime le nostre emozioni e non mente mai. La scienza consiglia alcuni segnali inequivocabili per leggere negli occhi di chi ci sta di fronte.