Sognare a occhi aperti: il cervello smart

Sognare a occhi aperti è una prerogativa di chi ha un cervello smart: chi lascia spesso vagare la mente possiede connessioni cerebrali più efficienti.

 Sognare a occhi aperti è un'abitudine ben radicata nella nostra quotidianità e si ripresenta quando siamo poco coinvolti in ciò che ci circonda.

I ricercatori americani hanno messo in relazione questo atteggiamento con l'intelligenza: sembra infatti che alcune persone siamo maggiormente predisposte a sognare a occhi aperti in virtù delle loro capacità cognitive.

Ma cosa significa esattamente sognare a occhi aperti?

Si tratta di uno stato mentale di quiete e riposo in cui il cervello vaga senza una meta ben precisa. "Avere la testa fra le nuvole" è un'espressione che descrive con chiarezza l'atteggiamento di chi sogna a occhi aperti.

Ben diverso è invece il caso in cui, durante una conversazione, veniamo sorpresi da una domanda alla quale non sappiamo rispondere perché stiamo pensando ad altro: in questo caso non si tratta di daydreaming ma di semplice distrazione. Osservare qualcos'altro intorno a noi, programmare mentalmente gli impegni della giornata, pensare a quale foto postare sui social, non è sognare a occhi aperti.

Sognare a occhi aperti: il cervello è coinvolto

Studiare questo aspetto del comportamento umano presenta le sue difficoltà, ma un team di ricercatori del Georgia Institute of Technlogy ha incrociato diversi dati sperimentali arrivando a conclusioni inaspettate.

 

I soggetti reclutati per lo studio sono stati sottoposti a tre diversi esami:

  • risonanza magnetica (MRI) mentre osservavano un punto fisso per cinque minuti
  • diversi test per valutare le capacità intellettive e creative
  • un questionario per indicare quanto sognassero a occhi aperti ogni giorno

 

La MRI è stata utilizzata per identificare quali aree cerebrali sono coinvolte quando si sogna a occhi aperti. Per i ricercatori è stato interessante notare che si tratta di sistemi cerebrali che intervengono in diverse abilità cognitive del nostro cervello.

Sognare a occhi aperti indica intelligenza e creatività

Contrariamente a quanto di solito sostenuto, sognare a occhi aperti non è una qualità negativa.

Secondo quanto afferma il professor Eric Schumacher che ha guidato lo studio, le persone che hanno spesso la testa tra le nuvole sono più creative e hanno un cervello più efficiente.

Questa osservazione nasce dai risultati dei diversi test condotti e che non lasciano scampo: i soggetti che esperimentano più spesso il sognare a occhi aperti hanno raggiunto punteggi più elevati nei test cognitivi e presentano sistemi cerebrali più efficienti (misurati con MRI).

Nonostante gli stereotipi associno la creatività al modello maschile, non ci sono differenze tra donne e uomini quando si sogna a occhi aperti. 

[Per approfondire: uomini più creativi – è solo un pregiudizio]

Perché allora il cervello si "distrae"?

Sognare a occhi aperti richiede evasione mentale e quindi si tratta di un processo che non va d'accordo con compiti che richiedono molta attenzione. Quando siamo molto coinvolti in ciò che facciamo o in quello che abbiamo attorno, non c'è tempo per sognare a occhi aperti.

Quando invece il compito che stiamo svolgendo non richiede particolare attenzione o fa parte della nostra routine, l'occasione per il daydreaming è dietro l'angolo.

 

Il prof. Schumacher ha spiegato perché sognare a occhi aperti è una prerogativa soprattutto delle persone più intelligenti. Chi ha sistemi cerebrali più efficienti è in grado di svolgere in maniera migliore e più rapida i propri compiti e ha quindi la possibilità di pensare ad altro mentre si occupa di cose meno impegnative.

 

Questo studio apre nuovi orizzonti su un canale inesplorato del comportamento umano e soprattutto consiglia di non sottovalutare chi ha spesso la testa tra le nuvole: dietro quell'apparente indifferenza si nasconde un cervello smart!

 

 

Gli opposti non si attraggono

Gli opposti non si attraggono

 Nessuno cambia, neanche per amore. Nelle relazioni di coppia i caratteri opposti non si uniformano l’uno all’altra: meglio allora cercare il proprio simile.

Il conflitto nella vita di coppia

ecco perché gli uomini danno (quasi) sempre ragione alle donne

Uomo e donna sempre in conflitto: secondo la scienza, il comportamento contrario della donna è necessario per regolare l’emotività nella vita di coppia.

Déjà-vu: quando il cervello confonde presente e passato

déjà vu: i misteri del cervello

L’impressione di aver già vissuto quell’attimo – il cosiddetto déjà-vu – è un fenomeno molto comune e, pare, dovuto a un “problema tecnico” del cervello.

Più tecnologia meno cervello

Più tecnologia meno cervello

Tecnologia e cervello: essere sempre connessi compromette la working memory e interrompe i momenti di relax necessari per consolidare memoria e apprendimento.

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Neuroni specchio: empatia, linguaggio e autismo

Gli studi sui neuroni specchio forniscono un fondamento scientifico all'empatia e nuove strade di approfondimento per l'autismo e la teoria del linguaggio.

Gravidanza over 35: il cervello ringrazia

GRAVIDANZA OVER 35: IL CERVELLO RINGRAZIA

La gravidanza dopo i trentacinque anni rende le donne più intelligenti in tarda età: il merito è degli ormoni sessuali, un toccasana per il cervello.

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i nuovi sistemi di autenticazione si preoccupano più della nostra identità virtuale che di quella reale. L'allarme dei ricercatori.

L'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

l'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

L’amore della mamma aumenta le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini. Ciò vuol dire migliori capacità intellettive e resistenza allo stress.

Tormentare le dita della mano

tormentare le dita della mano

Tormentarsi le mani indica la voglia di rimproverare se stessi o di scappare.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.