Relazioni a distanza: ecco perché sono così forti

Le relazioni a distanza sono fondate su un rapporto di maggiore intimità: la scienza spiega perché le storie sono speciali quando siamo lontani.

Indice dei contenuti:

Le relazioni a distanza ai tempi del coronavirus

Come si comunica nelle relazioni a distanza?

Qual è il segreto per una relazione a distanza duratura?

Le relazioni a distanza ai tempi del coronavirus

Le relazioni a distanza non sono semplici da sostenere: bisogna affrontare telefonate infinite, appuntamenti in videochat e soprattutto l'esigenza forte di contatto fisico. Un'esperienza di certo complicata con la quale si trovano a fare i conti molte coppie ai tempi della quarantena da COVID-19. Alcune storie tendono a naufragare, complici lo stress o la superficialità del rapporto, ma molti innamorati potrebbero sperimentare oggi ciò che i ricercatori affermano da tempo: le relazioni a distanza sono più intime.

Come si comunica nelle relazioni a distanza?

Diversi studi si sono concentrati su aspetti emotivi come la gestione dei problemi, la gelosia e lo stress. Una nuova ricerca, condotta in sintonia tra la City University of Hong Kong e la Cornell University, ha dimostrato invece che la relazione a distanza permette una comunicazione molto più intima.

I ricercatori Crystal Jiang e Jeffrey Hancock hanno confrontato le modalità di comunicazione e interazione nelle coppie a distanza e in quelle geograficamente vicine. Interazione faccia a faccia, telefonate, videochat, messaggistica e email poste sotto la lente per una settimana.

Il risultato?

Nelle relazioni a distanza, uomini e donne sono capaci di condividere in maniera più intima le proprie esperienze e ciò che li riguarda: fondano il rapporto sulla comunicazione e la condivisione verbale. Non si tratta però solo di una fredda analisi dei messaggi: i partner impegnati in relazioni a distanza hanno la percezione che anche la loro metà sia più coinvolta emotivamente e disponibile a confidarsi.

Qual è il segreto per una relazione a distanza duratura?

Se esistono segreti per mantere in vita le relazioni a distanza, di certo sono soggettivi e legati alle diverse condizioni che ogni coppia sperimenta.

Secondo i ricercatori è però possibile spiegare questa discrepanza nella comunicazione tra la relazione a distanza e un rapporto di vicinanza ricorrendo a due aspetti: la disponibilità ad aprirsi e la tendenza a idealizzare i comportamenti del partner.

Nascosti dietro uno schermo è forse più facile mostrarsi sensibili e vulnerabili, condividere emozioni e sentimenti che la frenetica routine può sovrastare e camuffare. La distanza aiuta a scremare quanto di superficiale può esserci in una relazione conferendo pathos e autenticità alla fatidica espressione: mi manchi.

È bene, però, restare con i piedi piantati a terra: idealizzare il partner è uno dei motivi che, secondo i ricercatori, tiene vivi i rapporti a distanza ma il pericolo di uno scivolone è sempre dietro l'angolo.

Chissà quanti mi manchi affollano le chat e le telefonate in questo lungo, difficile periodo di quarantena, ma la speranza di riabbracciarsi più forte di prima renderà sublime anche questa attesa.

Vuoi sapere se c'è attrazione tra voi? Impara a osservare il linguaggio del corpo!

(Caterina Stile)

Biblio/Sitografia

L. Crystal Jiang, Jeffrey T. Hancock. Absence Makes the Communication Grow Fonder: Geographic Separation, Interpersonal Media, and Intimacy in Dating RelationshipsJournal of Communication, 2013; 63 (3): 556 DOI: 10.1111/jcom.12029

Uomini e donne: cervello e sincronia

Uomini e donne: cervello e sincronia

La cooperazione tra uomini e donne non è un'utopia. Lavorare insieme si può ma con strategie diverse: non c'è sincronia tra il cervello di lui e quello di lei.

7 brevi lezioni di fisica - Carlo Rovelli - Recensione

7 brevi lezioni di fisica - carlo rovelli -recensione

Parlare di fisica in modo semplice si può: Carlo Rovelli in "7 brevi lezioni di fisica" ci guida nell'affascinante viaggio dalla relatività ai buchi neri.

L'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

l'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

L’amore della mamma aumenta le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini. Ciò vuol dire migliori capacità intellettive e resistenza allo stress.

Tutto quello che non sai sul cioccolato

tutto quello che non sai sul cioccolato

Potenzia cuore e cervello, contrasta l’invecchiamento, fa dimagrire ma crea dipendenza: il cioccolato stimola gli stessi centri nervosi attivati dalle droghe.

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile, di S. Moalem, è un libro innovativo e commovente che scardina le convinzioni della genetica e dona dignità alle malattie rare.

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

L'allattamento al seno aumenta la mielina nel cervello dei bambini

Allattamento al seno: il latte materno aumenta la produzione di mielina nel cervello dei neonati rendendo i neuroni più veloci ed efficienti.

Il processamento del suono

Il Processamento del suono

 Un’analisi a tutto tondo per comprendere il processamento del suono da parte del cervello: evoluzione, fattori connessi, utilità nella pratica clinica.

Preoccuparsi fa bene alla salute

Preoccuparsi fa bene alla salute

Una buona dose di preoccupazione ci rende attenti alla salute, mitiga le emozioni negative e migliora il successo in ambito lavorativo e scolastico.

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

Sindrome di Lazzaro: i rari casi di resurrezione riconosciuti dalla medicina

La sindrome di Lazzaro è un fenomeno, riconosciuto dalla comunità scientifica, che provoca il risveglio inspiegabile di pazienti morti per infarto.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Epigenetica: traumi vissuti ma anche disturbi metabolici come diabete e obesità possono essere trasmessi attraverso modifiche nell'espressione del DNA.

Dimagrire con un'app

Dimagrire con un'app

La dieta non è più un problema: gli psicologi hanno ideato un gioco che allena la capacità di dire no ai cibi poco sani e un'app per non cadere in tentazione.