ecco perché gli uomini danno (quasi) sempre ragione alle donne

 Lui che aspetta in piedi accanto alla porta con in mano le chiavi dell’auto, lei che finalmente esce dalla camera con lo sguardo felino e la domanda fatidica: “Come sto?”. In quel momento l’uomo si gioca tutto. Lui dirà “Sei bellissima!”, ma lei tornerà in camera a cambiarsi perché il parere non è stato convincente.

Scene di questo tipo si ripetono regolarmente in qualsiasi ambito della vita di coppia e, anche se i momenti di confronto sono indispensabili per non cedere alla monotonia, è chiaro che a volte diventano estenuanti. Spesso però, quando torna la pace e si riflette sulle cause del conflitto, si scopre che probabilmente non valeva la pena arrivare a quel punto.  

[Ti potrebbe interessare: gli opposti non si attraggono]

Forse è vero, forse no. Stando a una recente ricerca, i conflitti che turbano la vita di coppia seguono un copione ben definito e hanno un ruolo fondamentale nel regolare l’emotività della coppia.

La donna cerca la cooperazione, l’uomo evita il conflitto

Gli studi in campo di psicologia sociale parlano chiaro: in una relazione stabile, la donna cerca il confronto continuo anche se questo spesso significa arrivare a un vero e proprio conflitto di opinioni. L’uomo, al contrario, è praticamente spaventato dal conflitto con la donna e fa di tutto per evitarlo.

[Ti potrebbe interessare: litigare sì, ma nel modo giusto]

Ma cosa c’è dietro questi ruoli così definiti?

Ashley Randal, ricercatrice al dipartimento di Psichiatria dell’Università dell’Arizona, ha condotto uno studio per indagare i diversi aspetti dell’interazione tra i partner. Il suo intento è stato quello di scoprire quali sono i meccanismi psicologici che inducono uomo e donna a comportarsi diversamente in un momento di confronto .

Studiare il conflitto nella vita di coppia

Nel corso dello studio, poco più di quaranta coppie americane sono state video-filmate durante le loro conversazioni inerenti argomenti di salute.

In seguito le coppie hanno guardato le scene registrate e compilato un questionario. L’obiettivo era quello di analizzare lo stato d’animo di ogni individuo durante la cooperazione.

I ricercatori hanno studiato sia le videoriprese sia le risposte del questionario e hanno riscontrato che, in linea di massima, durante i momenti di cooperazione gli uomini mostrano una risposta “in fase” con quella del partner mentre la risposta delle donne è in “anti-fase”.

Questo significa che se la donna si sente ottimista o pessimista, l’uomo tenderà ad assumere lo stesso stato d’animo (“in fase”), la donna invece farà esattamente l’opposto nei confronti dell’altro (“anti-fase”).

 

Si potrebbe pensare che la reazione maschile sia un’astuzia calcolata ma, secondo i ricercatori, quest’atteggiamento rivela sì una strategia, ma una strategia del tutto inconscia: l’uomo non se ne rende conto (non sempre almeno), ma si adatta al parere della donna per aggirare l’ostacolo ed evitare il conflitto allo scopo di giungere in fretta a una risoluzione. E potrebbe anche funzionare se solo la donna non avesse quella sensibilità di capire quando un uomo sta mentendo.

 

La donna è la rovina dell'uomo ma resta il fatto che l'uomo senza la donna è rovinato.

(Marilyn Monroe)

Donna in disaccordo = equilibrio nella vita di coppia

La dott.ssa Randal spiega che l’atteggiamento “anti-fasico” della donna ha un importante ruolo di regolazione emotiva durante la cooperazione. Quando l’uomo si mostra positivo ma la donna percepisce che “c’è qualcosa che non va” e che quindi sta camuffando il suo vero stato d’animo, agisce in maniera opposta e si mostra in disaccordo. Si tratta di una risposta inconsapevole e istintiva che ha lo scopo di incoraggiare l’uomo ad agire in maniera trasparente e a dire ciò che realmente pensa. Non è quindi un capriccio femminile, ma il tentativo di spingere l’interazione verso l’autenticità perché la donna ritiene più importante una conclusione del conflitto soddisfacente per entrambi e non un accordo raggiunto in fretta che però lascia a qualcuno l’amaro in bocca. A lui, ovviamente.  

[Ti potrebbe interessare: istinto, quanto ci influenza]

La cooperazione è un prezioso collante nella vita di coppia e i ricercatori sono ora concentrati sull’influenza che questi schemi emotivi possono avere sulla longevità o la fine di una relazione stabile. Nel frattempo, se le vostre donne tornano sempre in camera a cambiarsi e contrastano ogni vostra opinione, cari uomini, ora sapete che lo fanno nel vostro interesse!

 

La religione influenza le scelte

Come la religione influenza le scelte

Il pensiero di Dio attiva nel cervello i circuiti di ricompensa: la scienza spiega perché l'esperienza spirituale influenza la nostre scelte quotidiane.

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini, le donne e la paura

Gli uomini hanno meno paura delle donne: la scienza conferma il mito dell’uomo coraggioso esaltato fin dalla notte dei tempi. Il merito è del testosterone.

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

Creati organoidi del cervello dei Neanderthal

L'uomo di Neanderthal studiato attraverso gli organoidi cerebrali: una sola mutazione potrebbe essere alla base dello sviluppo del nostro cervello.

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Anziani vs giovani: il cervello si riscatta

Nuove sfide in neuroscienze: la ricerca rivela che il cervello degli anziani può competere perfino con quello dei giovani nel campo delle sfide intellettive.

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Mutazione genetica: così il coronavirus è passato all'uomo

Molti virus, tra cui i coronavirus, trovano un serbatoio naturale nei pipistrelli ma è la mutazione genetica a conferire loro il potere di trasferirsi all'uomo.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Cellule staminali per combattere l'invecchiamento

Nuove speranze per l’Alzheimer: il trapianto di cellule staminali neurali da cervello giovane a cervello invecchiato potrebbe rallentare il declino cognitivo.

Come migliorare l'apprendimento nei bambini

come migliorare l'apprendimento nei bambini

La scienza spiega i meccanismi di apprendimento nei bambini e fornisce suggerimenti per migliorarlo: sonno e tempo aumentano le performance del cervello.

L'orientamento del corpo

orientamento del corpo

L'orientamento del corpo indica verso quale oggetto o persona stiamo dirigendo la nostra attenzione. 

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Solo la mente può bruciare i grassi - Raffaele Morelli

Raffaele Morelli, noto psicoterapeuta e psichiatra italiano, è l'autore del saggio "Solo la mente può bruciare i grassi" edito da Mondadori nel 2016.