Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: un atto di amore che nasconde lo zampino dell'evoluzione. Ecco come la scienza spiega gli obiettivi inconsci dell'affinità verso il partner.

Se William Shakespeare definiva il bacio "un apostrofo rosa tra le parole t'amo", Charles Darwin potrebbe considerarlo invece un'arma efficace nella selezione del partner. Nonostante la connotazione romantica che diamo a questo atto, il contatto tra le labbra ha infatti una sua rilevanza in termini evolutivi quando si tratta di valutare un eventuale partner.

Affinità tra due persone: tutta questione di evoluzione

La scelta del partner è un fenomeno molto complesso che attiva tutto il nostro essere. L'attrazione fisica con la sua orchestra di segnali non verbali è il motore che dà l'impulso a una serie di reazioni fisiologiche ben precise che uomo e donna mettono in atto in maniera spesso inconsapevole. Non ce ne rendiamo mai conto, ma la scelta del partner è guidata da istinti primordiali che ci spingono verso persone dell'altro sesso che mostrino un buon potenziale riproduttivo.

Nei giorni che precedono l'ovulazione le donne sono attratte da uomini in cui possono riconoscere un buon partner analizzando inconsciamente i caratteri fisici e il comportamento. L'uomo alto, dalle spalle larghe e dalla mandibola pronunciata, ad esempio, è favorito poiché questi caratteri sono influenzati dai livelli di testosterone. Se poi è anche ben vestito, possiede accessori costosi e si mostra sicuro di sé, l'attrazione è ancora più forte. L'obiettivo evolutivo della femmina di ogni specie, infatti, è quello di ricercare nel partner un buon patrimonio genetico da trasmettere alla prole (quindi il partner deve essere "sano" e in buona salute) e la capacità di prendersi cura dei piccoli (forte e protettivo ma anche, ai giorni nostri e per la nostra specie, provvisto di un buon lavoro e un rassicurante portafogli).

Il bacio: un significato diverso per donne e uomini

Il bacio si inserisce perfettamente in quest'ottica. Diversi studi hanno dimostrato che le donne, durante i giorni fertili, preferiscono baciare uomini dai tratti più mascolini mentre non mostrano preferenze evidenti durante gli altri giorni. Il bacio rappresenterebbe quindi un mezzo di selezione del partner al servizio dell'evoluzione della specie di cui parlava Darwin.

E per gli uomini cosa rappresenta il bacio?

Tra i diversi tratti del volto femminile, gli uomini prediligono le labbra. Le donne ne sono consapevoli e per questo non dimenticano mai di mettere in borsa un rossetto rosso. Sono numerosi gli studi che dimostrano che gli uomini amano le labbra rosse e gli abiti dello stesso colore: il motivo è da ricercare nel significato che ha questo colore per la nostra pelle. Il colorito roseo è infatti indicatore di una buona circolazione sanguigna e quindi trasmette un segnale positivo di salute, ma non dimentichiamo che la pelle si arrossa anche durante l'eccitazione. Si tratta quindi di due segnali che attirano l'attenzione su una precisa parte del corpo e che il cervello maschile interpreta in maniera rapida e favorevole.

In ottica evolutiva, infatti, anche l'uomo cerca una partner in buona salute: è fondamentale che la donna sia in grado di portare avanti le gravidanze e occuparsi della prole affinché egli possa diffondere attraverso di lei il proprio materiale genetico (detta così suona un po' maschilista, ma è la parte più ancestrale del nostro cervello a essere responsabile dell'attrazione istintuale).

Il bacio: affinità o affettività?

Per i nostri antenati ominidi, il bacio è nato come contatto tra madre e figlio per trasferire il cibo. Con il tempo questo gesto ha assunto anche una valenza affettiva, non a caso gli scimpanzé si salutano con abbracci e baci sulla bocca. Anche alcuni uccelli, durante il periodo dell'accoppiamento avvicinano i becchi con movimenti simili all'imbeccata.

Nella specie umana, il bacio rappresenta il fulcro della relazione romantica. È di certo questo il motivo per cui, durante un rapporto sessuale occasionale, non ci si scambiano gesti affettuosi né baci. Gli uomini, in particolare, preferiscono non baciare le prostitute.

In una relazione affettiva, il bacio non è solo un cementante ma anche una potente arma di attrazione. Le labbra rappresentano la parte più sensibile di tutto il sistema sensoriale umano: sono un prolungamento delle mucose interne della bocca che si protendono verso l'esterno. Il contatto tra le labbra nel bacio anticipa l'ambiente caldo e umido dell'interno della bocca. Tenendo poi conto che la saliva dell'uomo contiene testosterone (l'ormone responsabile della libido sia nell'uomo che nella donna), riusciamo a comprendere meglio perché il bacio è il protagonista dei preliminari di un rapporto sessuale.

Il bacio rafforza il sistema immunitario

Una curiosità: il bacio alla francese trasmette 50mila microbi ma rafforza il sistema immunitario. Com'è possibile? Innanzitutto bisogna precisare che non tutti questi microbi sono patogeni, inoltre la presenza di agenti estranei nel nostro cavo orale stimola il sistema immunitario a combattere i microbi del partner. È in questo modo che il sistema di difesa si mostra più forte e impedisce che insorga un'infezione dopo ogni bacio. Uno studio, in particolare, ha dimostrato che baciarsi con una certa frequenza aumenta le concentrazioni ematiche di albumina e beta-2-microglobulina responsabili del rafforzamento del sistema immunitario.

Baciarsi spesso fa bene e non soltanto dal punto di vista biologico: se da una parte il bacio dà una forte scossa alle nostre difese, alla circolazione sanguigna e ai livelli di colesterolo, dall'altra migliora la comprensione reciproca e l'empatia riducendo sensibilmente la frequenza dei litigi.

(Caterina Stile)

Questo articolo è tratto dal libro "Affinità di coppia".

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Alzheimer: apprendimento e onde cerebrali

Scoperta una relazione tra il tipo di apprendimento (esplicito o implicito) e le onde cerebrali emesse dal cervello: nuove applicazioni per l'Alzheimer.

Più tecnologia meno cervello

Più tecnologia meno cervello

Tecnologia e cervello: essere sempre connessi compromette la working memory e interrompe i momenti di relax necessari per consolidare memoria e apprendimento.

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

Restrizione calorica per rallentare l'invecchiamento

La restrizione calorica, ovvero la riduzione del 20-30% dell'introito calorico, contrasta l'infiammazione responsabile dell'invecchiamento cellulare.

Stretta di mano: quale significato nasconde

stretta di mano: quale significato nasconde

Il linguaggio del corpo ci insegna a distinguere la stretta di mano autentica da quella forzata e ambigua: scopriamo i segnali da non lasciarsi sfuggire.

L'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

l'amore della mamma aumenta le dimensioni dell'ippocampo nel cervello

L’amore della mamma aumenta le dimensioni dell’ippocampo nel cervello dei bambini. Ciò vuol dire migliori capacità intellettive e resistenza allo stress.

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

Sindrome di Laron: una speranza per tumore e diabete

I pazienti con sindrome di Laron sono immuni a tumore e a diabete e protetti contro l'invecchiamento: dall'Ecuador nuovo impulso a ricerca e medicina.

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: compromesso tra affinità e evoluzione

Il bacio: un atto di amore che nasconde lo zampino dell'evoluzione. Ecco come la scienza spiega gli obiettivi inconsci dell'affinità verso il partner.

Accavallare le gambe

accavallare le gambe

Accavallare le gambe può indicare dimostrazione di forza o interesse/disinteresse verso l'altro.

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Bambino che piange: cosa accade nel cervello di mamma e papà

Quando un bambino piange, il cervello della mamma e quello del papà non reagiscono allo stesso modo: le donne spengono alcune aree cerebrali, gli uomini no.

Come migliorare l'apprendimento nei bambini

come migliorare l'apprendimento nei bambini

La scienza spiega i meccanismi di apprendimento nei bambini e fornisce suggerimenti per migliorarlo: sonno e tempo aumentano le performance del cervello.

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile - Sharon Moalem - recensione

L'eredità flessibile, di S. Moalem, è un libro innovativo e commovente che scardina le convinzioni della genetica e dona dignità alle malattie rare.

Una canzone nella testa: perché si ripete e come rimediare

Quella canzone nella testa

Una canzone nella testa che si ripete in maniera ossessiva? Nessuna preoccupazione: la scienza fornisce un rimedio curioso alla portata di tutti.