10 consigli per mantenere il cervello in forma

 Gli esperti consigliano di condurre una vita sana ponendo particolare attenzione alla dieta e all’attività fisica quotidiana, ma quello che non tutti sanno è che tenere in forma il corpo aiuta anche a migliorare le funzioni cerebrali. Non solo libri e sudoku, quindi, per mantenere il cervello in forma!

 

Innanzitutto i libri!

Cruciverba, rebus, sudoku e altri rompicapi simili hanno il potere di tenere il cervello in allenamento, ma se proprio non vi piacessero? Tranquilli, non è ancora chiaro quanto queste attività siano in grado di forgiare il nostro cervello, ma è invece alquanto evidente che la mancanza di cultura segnerà un rapido declino della mente. Cosa fare allora? Leggere, leggere e ancora leggere. E inoltre cercare di apprendere attività nuove di qualsiasi tipo perché la sfida dell’ignoto è molto più stimolante per il cervello rispetto a fare e rifare lo stesso puzzle anche se di 1000 pezzi!

 Evitare gli integratori

Molti pensano che gli integratori possano realmente “integrare” tutto ciò che all’organismo manca ma spesso non è così e soprattutto non aiutano a migliorare la memoria come alcuni invece presumono di fare. E’ il caso della melatonina e del ginkgo.

La melatonina è un ormone prodotto da una ghiandola posta alla base del cervello (epifisi) che regola il ciclo sonno-veglia e può essere assunta anche sotto forma di integratore.

Il ginko biloba è una pianta originaria della Cina le cui foglie contengono alcuni principi attivi (terpeni, flavonoidi, polifenoli) che si presume abbiano la capacità di migliorare la memoria tanto da essere a volte consigliati nella cura del morbo di Alzheimer.

Tuttavia non ci sono evidenze sperimentali che dimostrino l’efficacia di queste sostanze e per di più non sono esclusi effetti collaterali come disturbi della digestione, problemi di fertilità, pressione alta e depressione.

 No stress

Sembrerà strano ma è proprio così. Lo stress è nemico del cervello e per ritardare l’invecchiamento cerebrale bisogna quindi occuparsi di attività rilassanti come lo yoga. Bene anche dedicarsi a piccoli lavori manuali e trascorrere un po’ di tempo a chiacchiere con gli amici. Niente di più semplice! 

[Ti consiglio: quanto saremo intelligenti da vecchi]

Mangiare pesce

L’attenzione è focalizzata sui famosi omega 3, acidi grassi essenziali per le attività del cervello che si stanno rivelando efficaci anche nel trattamento di alcuni disturbi cerebrali come la depressione. Dall’uso di integratori di omega3, però, si sono ottenuti finora risultati contrastanti quindi non resta che approfittare di quegli alimenti che li contengono naturalmente e che di sicuro non daranno effetti collaterali: pesce e semi di lino in particolare.

Godersi un caffè

Non è noto se sia grazie alla caffeina o alle sostanze antiossidanti ma sembra proprio che bere da due a quattro caffè al giorno possa scongiurare il declino cognitivo legato all’età e addirittura diminuire l’incidenza del morbo di Alzheimer dal 30 al 60%.

[Ti consiglio: scopri se avrai l’Alzheimer]

Dormire bene

Dormendo, il cervello passa al setaccio le informazioni ricevute durante il giorno: alcune saranno scartate, altre consolidate e memorizzate. Se manca il momento del riposo o esso diminuisce sensibilmente, questo importante processo cerebrale viene interrotto o compromesso. Inoltre una recente ricerca ha evidenziato che quando non dormiamo le proteine si accumulano sulle sinapsi rendendo difficile pensare e imparare cose nuove.

[Ti consiglio: tempo al tempo per imparare]

Prendersi cura del proprio corpo

Corpo e mente sono intimamente connessi e ciò che danneggia l’uno di certo non favorisce l’altro. Anche diverse malattie – diabete di tipo II, obesità, ipertensione – hanno una forte incidenza sul declino del cervello. Si tratta di patologie che possono essere ampiamente prevenute o quantomeno ritardate per esempio cercando di mantenere sano il sistema cardio-circolatorio eliminando sigarette e acidi grassi saturi.

Evitare le diete

Qualcuno sarà felice di questo. Mangiare troppo può affaticare l’organismo rendendolo pigro e ciò di certo non facilita le funzioni cerebrali, ma anche mangiare troppo poco può essere dannoso perché provoca distrazioni, confusione e disturbi della memoria.

[Ti consiglio: 50 anni e in sovrappeso, il segreto per vivere di più]

Mangiare sano

Gli alimenti ricchi di fibre con moderata quantità di grassi e proteine (dieta a basso contenuto glicemico) vengono degradati più lentamente dal nostro organismo determinando una digestione più costante e quindi un flusso di energia più affidabile per il cervello, al contrario invece degli alimenti ad alto contenuto glicemico (neanche a dirlo, dolci e amido bianco) che vengono degradati velocemente dando un immediato senso di sazietà (e quindi di energia fornita) che però non dura a lungo.

[Ti consiglio: 7 consigli per far amare frutta e verdura ai bambini]

 Fare attività fisica

Ebbene sì. Mangiare sano e dormire bene facilitano le funzioni cerebrali, ma molti ricercatori ritengono che sia importante anche un’attività aerobica costante: anche se il cuore e i polmoni sembrano essere direttamente coinvolti nel benessere derivante dall’esercizio fisico, ad ogni passo su un tapis-roulant o al parco anche il cervello è sempre più in forma. Sono necessari almeno 30 minuti di esercizio fisico quotidiano.

 

E ora che hai tutti gli strumenti, cerca il modo migliore per mantenere in forma il tuo cervello!

 

 

Traumi familiari e coincidenze di date

Traumi familiari e coincidenze di date

Alcuni traumi familiari si verificano negli stessi periodi: secondo gli esperti, le coincidenze di date sarebbero dovute a una memoria transgenerazionale.

Il conflitto nella vita di coppia

ecco perché gli uomini danno (quasi) sempre ragione alle donne

Uomo e donna sempre in conflitto: secondo la scienza, il comportamento contrario della donna è necessario per regolare l’emotività nella vita di coppia.

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico allevia il dolore

Il contatto fisico nel momento del dolore determina sincronizzazione delle onde cerebrali, del respiro e della frequenza cardiaca. E c'è di mezzo l'empatia.

Scienza e fede: il conflitto è nel cervello

scienza e fede: il conflitto è nel cervello

Scienza e religione: è davvero necessario scegliere? La ricerca spiega cosa accade nel nostro cervello quando scienza e fede si oppongono l'una all'altra.

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

Neuroni specchio: cosa sono e come funzionano

I neuroni specchio aprono una nuova strada nello studio della psicologia e del comportamento umano. Scopriamo in maniera semplice cosa sono e come funzionano.

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Traumi, obesità, diabete: il peso del DNA dei nonni

Epigenetica: traumi vissuti ma anche disturbi metabolici come diabete e obesità possono essere trasmessi attraverso modifiche nell'espressione del DNA.

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i rischi dei nuovi sistemi di autenticazione

Privacy su internet: i nuovi sistemi di autenticazione si preoccupano più della nostra identità virtuale che di quella reale. L'allarme dei ricercatori.

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

Bambini e alimentazione sana: 7 consigli per abituarli

L’obesità infantile è un problema sempre più urgente: consigli e regole dagli esperti per promuovere la cultura della sana alimentazione sin da piccoli.

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

I segnali dell'attrazione: lo sguardo

Sguardo languido e sguardo penetrante: quando c'è di mezzo l'attrazione, uomini e donne sfoderano le proprie armi per sedurre. Conoscerle per riconoscerle.

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - G. Greison

Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza - Gabriella Greison

"Storie e vite di superdonne che hanno fatto la scienza" di Gabriella Greison: la forza di una passione che supera le barriere sociali e riscrive le regole.